Archivio dei tag Veneto

Cartello spiaggia naturista

Il naturismo/nudismo in spiaggia in Veneto è legge

Cartello spiaggia naturista

Cartello spiaggia naturista

La Regione Veneto ha recentemente approvato la legge sul turismo naturista e dalla prossima estate (2014), se i Sindaci lo vorrano, potrebbe essere consentito il nudismo anche a Bibione e sulle altre spiagge venete (Caorle, Jesolo, Lido di Cavallino, Lido di Jesolo, …) ed in tutto il resto del Veneto, in aree appositamente destinate e delimitate.

La proposta di legge sul naturismo in Veneto era stata fatta dal consigliere della Lega Nord Andrea Bassi ed era stata sottoscritta dai consiglieri Dario Bond e Costantino Toniolo del PdL, Santino Bozza del Gruppo Misto, Gianpiero Possamai della Lega, Gennaro Marotta di Italia dei Valori e Pietrangelo Pettenò di Federazione della Sinistra Veneta.

Ora il provvedimento “Riconoscimento e valorizzazione del turismo naturista” è passato e dopo il primo esperimento di Jesolo del 2011 con l’associazione Anaa-Sfkk, i comuni dei litorali veneti, potranno decidere di destinare al naturismo/nudismo, spiagge, boschi, parchi e altri ambienti naturali di proprietà demaniale o di enti pubblici.

Andrea Bassi, il relatore in aula del provvedimento, ha dichiarato: “pur non essendo naturista, ritengo coniugabile questa causa per due ordini di motivi.
Il primo per una tutela della libertà delle persone che intendono praticare questo tipo di turismo. Impedirlo è sbagliato, ovviamente nel rispetto della legalità e della libertà altrui.
Il secondo motivo è di ordine squisitamente economico, considerato che questo settore turistico è in continua crescita e vede una forte percentuale di praticanti nei paesi del nord Europa, che solitamente prediligono il nostro paese e in particolare la nostra regione.
Sarebbe quindi non solo sbagliato, ma anche scellerato ed antieconomico non cogliere questa opportunità, costringendo questi flussi turistici a scegliere la Francia o la Croazia“.

Stefano Valdegamberi di Futuro Popolare, contrario alla legge, ha invece dichiarato: “Questa legge sbandierata come un successo, in realtà è solo un passo indietro, un provvedimento che insegue le mode in contrarietà alla nostra cultura… un’ulteriore banalizzazione del corpo umano, che contribuisce a degenerare gli usi e i costumi di una popolazione che sta vivendo da decenni un progressivo decadimento di valori.
Una legge dovrebbe prevedere percorsi costruttivi, con indirizzi culturali e non con una degenerazione culturale“.

Dello stesso parere anche Renato Chisso del Pdl, che ha affermato: “pur nel rispetto del diritto della libertà di comportamento di tutti e pur riconoscendo la valenza economica di questo tipologia turistica, considero questa legge non in sintonia con i valori e la sensibilità della nostra cultura“.

Ovvio invece l’entusiasmo dei naturisti/nudisti: “Il 2014 sarà l’anno della svolta, dalle parole si passerà ai fatti! Ecco raggiunto il primo grande obiettivo” ha commentato il presidente di Anaa-Sfkk (Associazione Naturista Alto Adige – Südtiroler Freikörperkultur), Daniele Bertapelle.

E i Sindaci ? per ora non abbiamo dichiarazioni ufficiali da parte dei sindaci delle spiaggie ma dal Lago di Garda i commenti sono di questo tono:
Torri: “Personalmente non sono per nulla d’accordo
Brenzone: “Con i problemi che abbiamo, dobbiamo risolvere anche quelli dei naturisti? Io sono mentalmente aperto, ma vedo delle difficoltà. Il nostro turismo è costituito principalmente da famiglie, le cui esigenze sono difficilmente conciliabili con quelle dei nudisti
Bardolino: “…è una decisione che va ponderata, per mettere d’accordo esigenze diverse. A Bardolino, le spiagge si trovano a ridosso delle strutture ricettive, mentre servirebbero aree riservate per evitare il disturbo reciproco
Garda: “Non sono contrario, ma bisognerebbe chiudere un tratto di spiaggia e destinarlo ai naturisti. E nel mio comune non si può. La trovo una proposta difficilmente realizzabile“.
Insomma, il classico “Sì, ma non a casa mia”.

Che succederà a Bibione e sulle altre spiaggie? i turisti saranno liberi di girare nudi in spiaggia ? Ovviamente no.

Privati, associazioni e organizzazioni potranno individuare delle porzioni di spiaggia e proporle alle amministrazioni comunali chiedendo che vengano destinate al naturismo.
Anche gli stessi comuni potranno indire un bando per dare in gestione una parte della spiaggia.
Le areee dovranno essere delimitate, ben segnalate e accessibili solo a chi lo pratica e la gestione sarà affidata a privati e associazioni, che ne garantiranno il funzionamento.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Cartello naturismo in spiaggia

Proposta di legge sul naturismo-nudismo in Veneto

Cartello naturismo in spiaggia

Cartello naturismo in spiaggia

Dopo anni di pressioni da parte delle associazioni di naturisti, fra cui particolarmente attiva in Veneto è stata negli ultimi anni l’Associazione ANAA-SFKK (Associazione Naturista Alto Adige – Südtiroler Freikörperkultur), presieduta da Daniele Bertapelle, che già nel 2011, aveva ottenuto dal Comune di Jesolo la concessione per un anno di una parte della “Spiaggia del Mort”, la Regione Veneto, prima in Italia, ha una proposta di  legge per regolamentare la pratica del nudismo in spiaggia.
Il naturismo è un movimento che si propone di promuovere un contatto diretto con la natura privo di artificiosità e convenzioni sociali attraverso uno stile di vita che vede il nudismo come logica conseguenza del proprio modo di essere interiore ed ha numerosi sostenitori in Europa con un fatturato stimato di circa 700 milioni di euro e circa 600 strutture.
Le richieste di spazi e strutture ricettive provenienti da associazioni naturiste e agenzie turistiche di tutto il mondo sono numerose e oltre che rappresentare per il Veneto una nuova forma di turismo potrebbe rappresentare un opportunità economica.

La proposta di legge è stato presentata dal consigliere regionale Andrea Bassi (Lega Nord) e sottoscritta da Dario Bond (Pdl) e Santino Bozza ed approvata dalla commissione regionale Turismo della Regione Veneto, presieduta da Vittorino Cenci e dovrebbe secondo i proponenti dare slancio al turismo, in particolare a quello naturista, un fenomeno sempre più diffuso sulla riviera veneta, le cui principali spiagge sono Bibione, Caorle e Jesolo.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
App smartphone servizi sanitari in Veneto

Informazioni sui servizi sanitari tramite app in Veneto

App smartphone servizi sanitari in Veneto

App per smartphone sui servizi sanitari in Veneto

Venerdì 16 agosto 2013, alle ore 10,45, presso la sede della Delegazione comunale di Bibione (via Maja), Luca Zaia (Presidente della Regione Veneto), Pasqualino Codognotto (Sindaco del Comune di San Michele al Tagliamento) e Carlo Bramezza (Direttore Generale dell’Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 10), presenteranno alla stampa una app in 3 lingue per smartphone che fornirà, ai turisti delle spiaggie Veneziane, fra le varie funzioni, informazioni sulle strutture sanitarie e sui servizi sanitari erogati e la possibilità di recarsi ai vari ambulatori guidati dal proprio cellulare tramite un servizio di geolocalizzazione.

A supporto del progetto è stato anche messo online un “mini sito” dedicato ai turisti.

Alla presentazione saranno presenti imprenditori del turismo balneare, giornalisti, rappresentanti delle forze dell’ordine e i Sindaci del Veneto orientale.

Al termine della conferenza stampa sarà organizzata una visita al litorale di Bibione a bordo di jeep aperte per permettere le riprese degli operatori televisivi.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Tiramisù

Giornata Mondiale del Tiramisù

Tiramisù

Tiramisù

Oggi, 17 Gennaio 2013, si celebra la Giornata Mondiale del Tiramisù, che in meno di 50 anni, da Treviso si è diffuso in tutto il mondo, diventando uno dei dolci a cucchiaio piu’ famosi e amati tra i dolci della tradizione italiana.

A inventarlo fu Ada Campeol, proprietaria del ristorante “Alle Beccherie“, in centro a Treviso, coadiuvata dall’allora giovanissimo cuoco Roberto “Loli” Linguanotto.
La signora Ada creò quello che chiamò il “Tiramesu'”, poi italianizzato in tiramisu’, come “energetico”, nel periodo in cui allattava il figlio , unendo degli ingredienti sostanziosi che gia’ erano consumati e conosciuti per dare forza, come l’uovo sbattuto o “sbatudin”, i savoiardi con il caffè ed il mascarpone, “inventando” così, questo delizioso dolce, dalla preparazione semplice, diventato il piu’ conosciuto e ricercato del mondo nel suo genere, tanto da definirlo “paradisiaco”.

Secondo una ricerca di Assolatte, i cinesi sono tra i maggiori estimatori del Tiramisù, che viene citato nei siti internet in cinese oltre 14 milioni di volte.

Il Tiramisù è anche uno dei piatti più imitati della nostra cucina, tanto che si spinge per un suo riconoscimento come Specialità tradizionale garantita, così come è stato per la Pizza napoletana.

La giornata mondiale del Tiramisu’ e’ una occasione per riaffermare una verita’ storica – ha dichiarato Marino Finozzi, assessore al Turismo del Veneto, – e direi culturale, perche’ e’ grazie alle tante invenzioni piu’ sagge che segrete, dove il primo ingrediente è la passione e il secondo e’ il buon gusto, che l’enogastronomia veneta si è fatta strada tra le migliori dei cinque continenti e collabora al successo turistico del Veneto, con i suoi 63 milioni di pernottamenti, dei quali circa il 62 per cento generati da ospiti stranieri

Il GVCI (“Gruppo Virtuale Cuochi Italiani”) organizza, un po’ ovunque nel mondo, per il sesto anno consecutivo l’IDIC (“International Day of Italian Cuisines”), la giornata internazionale delle cucine italiane, il cui protagonista sarà proprio il Tiramisù (nelle precedenti edizioni erano stati la “Carbonara”, il “Risotto alla milanese”, le “Tagliatelle al ragù alla bolognese”, il “Pesto alla Genovese” e l”Ossobuco in gremolata alla milanese”).

I centinaia di cuochi, ristoratori e food lover che aderiscono alla Giornata prepareranno oggi, questo delizioso dolce secondo la ricetta autentica del Tiramisù.

La lista degli aderenti all’iniziativa è visibile al link: http://idic.itchefs-gvci.com/index.php?option=com_content&view=article&id=845&Itemid=1216

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
La Notte dei Musei 2012

La Notte dei Musei 2012 in Veneto e Friuli

La Notte dei Musei 2012

La Notte dei Musei 2012

Per il 4° anno consecutivo, con lo slogan “spaventosamente gratuita“, torna l’evento organizzato dal ministero dei Beni culturali, “La Notte dei Musei“.
Sabato 19 maggio 2012, infatti, dalle ore 20.00 alle ore 2.00 della notte, musei ed aree archeologiche statali saranno aperti gratuitamente, per permettere a tutti una diversa fruizione “fuori orario” del patrimonio artistico italiano.
Le opportunità saranno molte, anche perchè in molti luoghi saranno organizzati eventi collaterali quali concerti, mostre tematiche e percorsi guidati.

Per i turisti in vacanza a Bibione, di seguito l’elenco dei musei, aree e parchi archeologici statali aperti in Veneto e Friuli per l’evento “La Notte dei Musei”:

FRIULI VENEZIA GIULIA
Area Archeologica di Aquileia – Aquileia (UD):    20.00 – 02.00( chiusura biglietteria ore 01.00)
Museo Archeologico Nazionale di Cividale – Cividale(UD): 20.00 – 02.00 (chiusura biglietteria ore 01.30)
Museo Storico del Castello Miramare – Trieste: 20.00 – 02.00 (ultimo ingresso ore 01.00)

VENETO   
Museo Nazionale Atestino – Este (PD): 20.00 – 02.00
Museo Archeologico Nazionale di Adria – Adria (RO): 20.00 – 02.00
Museo Archeologico Nazionale di Fratta Polesine – Fratta Polesine(RO): 20.00 – 02.00
Museo Nazionale Concordiese – Portogruaro (VE): 20.00 – 02.00
Area Archeologica a nord del Museo di Altino –    Quarto d’Altino (VE): 20.00 – 02.00
Area Archeologica a est del Museo di Altino – Quarto d’Altino (VE): 20.00 – 02.00
Museo Archeologico Nazionale di Altino – Quarto d’Altino (VE): 20.00 – 02.00
Gallerie dell’Accademia – Venezia (VE): 20.00 – 02.00
Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro – Venezia: 20.00 – 02.00
Museo Archeologico di Venezia –    Venezia: 20.00 – 02.00
Museo di Palazzo Grimani – Venezia: 20.00 – 02.00

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del ministero www.beniculturali.it e sull’applicazione gratuita per smartphone i-MiBAC top 40.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail