Category Archiveambiente

Faro Bibione

Inaugurazione del faro di Bibione

Inaugurazione del faro di Bibione

Inaugurazione del faro di Bibione

Venerdì 19 giugno 2015 alle ore 18.30 si svolgerà l’inaugurazione del Faro di Bibione, simbolo della località turistica.
Negli ultimi mesi sono stati eseguiti importanti lavori di ristrutturazione valorizzando il contesto ambientale in cui si trova.
È stato pulito e ridipinto a scacchiera bianco e ocra dando un tocco di originalità al suo aspetto.
I lavori di riqualificazione hanno interessato la pavimentazione, la recinzione e lo spazio interno, ricavando un’area espositiva e servizi per i turisti.
Il faro si trova in un’area protetta ed è raggiungibile solamente a piedi o in bicicletta. Si può seguire il percorso ciclo-pedonale nella pineta che occupa l’area tra Bibione Lido dei Pini e la foce del fiume Tagliamento oppure passeggiare lungo il mare partendo da piazzale Zenith.

Il programma prevede:

  • ore 17.45 ritrovo presso la sede Bibione Spiaggia in via del Mare per la partenza collettiva in bicicletta;
  • ore 18.30 taglio del nastro con saluti istituzionali.

È un’ottima occasione per conoscere meglio il territorio naturale con le specie protette e per dare inizio ad un’estate ricca di eventi e di divertimento.
Per maggiori informazioni, contattare l’Ufficio Turismo: tel 0421 516130.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
cicloturismo

Bibione e Caorle, collegati da passerella ciclabile sul Canale Taglio

cicloturismo

cicloturismo

Domenica 28 gennaio 2014 alle ore 11.00 è stato inaugurato il ponte ciclopedonale che unisce il Comune di Caorle in località Bacino Villa per poi proseguire verso la zona di Valle Vecchia (Brussa) ed il Comune di San Michele al Tagliamento – Bibione in località Prati Nuovi.
All’inaugurazione erano presenti Luciano Striuli (Sindaco di Caorle), Giovanni Comisso (Assessore ai Lavori Pubblici di Caorle), Fabrizio Bortoluzzo (Presidente del Consiglio Comunale di Caorle), Pasqualino Codognotto (Sindaco di San Michele al Tagliamento), Luca Marchesan (Assessore ai Lavori Pubblici di San Michele al Tagliamento), Gianluigi Martin (Presidente del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale) e Sergio Grego (Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale).

Il Comune di San Michele al Tagliamento, il Comune di Caorle ed il Consorzio di Bonifica Veneto Orientale avevano in precedenza approvato un protocollo d’intesa per la realizzazione di una pista ciclabile attraverso lo sbarramento del Consorzio di Bonifica sul Canale Taglio in località Bacino Villa, progetto realizzato grazie al contributo comunale e comunitario di circa 220.000,00 Euro erogato tramite la Regione Veneto nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 – Asse 4Leader.

Si tratta di un’opera – ha spiegato Luciano Striuli, Sindaco di Caorle – che finalmente consente il collegamento tra i due Comuni contermini e la continuità del percorso ciclo-pedonale da Bibione a Brussa e con le aree di sosta già presenti, il tutto con particolare attenzione alle potenzialità ambientali di alto valore trattandosi di contesti SIC e ZPS.
Si potrà così partire da Bibione e raggiungere Brussa in poco più di un’ora, evitando tutto il traffico della Strada Regionale e la promiscuità con le Strade Provinciali 42 e 70.
In secondo luogo l’opera, inserita tra le attività del programma “Percorsi nella Venezia Orientale – Gira Lagune“, consente il pieno e concreto coinvolgimento degli operatori locali di vasta area del settore turistico ed enogastronomico, vertendo su tematiche di assoluta attualità quali il turismo rurale e sostenibile, i prodotti della terra ed il cibo come sintesi virtuosa di sapori e saperi, capaci di valorizzare contesti ambientali unici, raccontando del proprio territorio in tutte le sue peculiarità.
In terzo luogo le amministrazioni locali continuano nel progetto di valorizzazione del territorio del Veneto Orientale attraverso lo sviluppo del così detto Turismo Slow, puntando sulla mobilità e la fruizione turistica dolce, in sinergia con gli altri progetti paralleli quali il GiraLemene ed il GiraTagliamento, anch’essi già finanziati con risorse pubbliche.”

Questo progetto ha permesso di creare un itinerario turistico di collegamento tra il litorale e l’entroterra, unendo per la prima volta due importanti località turistiche, San Michele-Bibione e Caorle. – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici di San Michele al Tagliamento, Luca Marchesan – Un tracciato per favorire la mobilità lenta sempre più richiesta da turisti e cittadini.
Grazie a questo nuovo percorso, che, tra l’altro, lambisce stupendi ambienti di Valle, non sarà più necessario percorrere strade ad alto traffico, ma sarà invece possibile raggiungere i due litorali pedalando con maggiore sicurezza.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Bibione, il faro di Punta Tagliamento

Progetto “Bibione 5 aquae” all’esposizione Aquae Venezia 2015

Bibione, il faro di Punta Tagliamento

Bibione, il faro di Punta Tagliamento

“Bibione 5 aquae” è il nuovo brand con cui Bibione parteciperà, con un proprio stand espositivo, all’esposizione Aquae Venezia 2015 che si terrà dal 3 maggio 2015 al 31 ottobre 2015. Il progetto ed il nome puntano a valorizzare il grande patrimonio naturalistico della località balneare veneta, racchiuso da forme d’acqua dalle caratteristiche diverse ma complementari tra loro: dall’acqua fluviale a quella marina, dall’acqua lagunare e della Litoranea veneta a quella termale. Il progetto “Bibione 5 aquae”, pur nascendo con una vocazione turistica, non può prescindere dal suo aspetto prettamente scientifico legato al fenomeno dell’erosione costiera, di quel tratto di sabbia finissima e dorata che confina con il fiume Tagliamento, l’ultimo fiume alpino ancora allo stato naturale che se da una parte esercita un’azione di erosione della sabbia, dall’altra è ancora in grado di produrne, nelle acque del mar Adriatico, grandi depositi naturali dove poterla recuperare. “E proprio sulle modalità di recupero della sabbia, – spiega Vania Prataviera, Presidente della Bibione Spiaggia Srl – è nato il progetto del sabbiodotto i cui lavori di realizzo partiranno nel mese di febbraio 2015. Un’opera fondamentale che con la Regione Veneto, il comune di San Michele al Tagliamento e i concessionari di spiaggia, ci ha visti seduti allo stesso tavolo per firmare un protocollo d’intesa che porterà ad interventi di ripascimento del litorale ad impatto ambientale zero, operando nel completo rispetto del nostro patrimonio naturalistico.” E’ proprio nell’aver individuato una soluzione concreta e scientifica al problema dell’erosione che è nata la possibilità di partecipare all’esposizione collaterale all’EXPO, Aquae Venezia 2015, raccontando Bibione come un’isola circondata da cinque acque che regalano scenari naturalistici unici, partendo proprio dal Tagliamento, fiume dalle biodiversità uniche che hanno suscitato l’interesse dell’Unesco, che sfocia nel mar Adriatico, in quelle acque salate che, verso ovest, si intrecciano con quelle salmastre della laguna e della Litoranea veneta, idrovia che segna il confine con l’entroterra di Bibione, lo stesso dove sgorgano naturali le acque termali.

Fenicotteri a Bibione

Fenicotteri a Bibione

“Microcosmi fatti di acque e luce, di voli di aironi e fenicotteri, dai ritmi placidi, – conclude Vania Prataviera – per nulla lontani dalla spiaggia e dalle frizzanti vie del centro. Luoghi straordinari che meritano di essere scoperti e visitati perché in grado di stupire e sorprendere grazie alla loro costante mutabilità. Senza dimenticare che le nostre acque, unitamente al patrimonio naturalistico e al polo turistico, vantano la certificazione ambientale EMAS dal 2002, data in cui Bibione risultò il primo polo turistico, a livello europeo, ad ottenerla. Con la partecipazione all’esposizione Aquae Venezia 2015 desideriamo quindi trasmettere e condividere la soluzione adottata per contrastare l’erosione costiera e, contestualmente, consolidare forme di un turismo slow ed ecosostenibile, in linea con le politiche di salvaguardia ambientale attuate sino ad oggi”.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Bibione, respira il mare

Bibione, prima spiaggia “Smooke Free” d’Italia

Bibione, respira il mare

Bibione, respira il mare

Lo slogan del progetto, che dall’estate 2014, farà diventare Bibione la prima spiaggia d’Italia libera dal fumo è “Respira il mare“.

Da quest’anno infatti, su tutta la battigia di Bibione, nel tratto compreso tra la prima fila di ombrelloni e il mare, ci sarà il divieto di fumo e sarà possibile respirare solo l’aria pulita del mare.

Sarà possibile continuare a fumare in spiaggia solo sotto agli ombrelloni a monte dell’arenile, lasciando la parte a vicina al mare libera dal fumo delle sigarette.

Oltre alla segnaletica indicante il divieto e l’invito a spegnere la sigaretta lungo la spiaggia verranno posizionati dei contenitori adatti a contenere i mozziconi delle sigarette, realizzati in materiale trasparente in modo da mostrare ai turisti giorno per giorno il materiale inquinante recuperato.

Bibione – ha dichiarato Pasqualino Codognotto, Sindaco di San Michele al Tagliamento e Bibione durante un incontro sul tema tabacco e salute – vuol diventare una spiaggia del benessere e saremo i primi in Italia, se non addirittura in Europa, a bandire il fumo. Nel 2002 abbiamo ottenuto la certificazione ambientale Emas per la località e nel 2012 per l’intero comune; abbiamo ricevuto 22 bandiere blu, ci sono zone naturalistiche protette, le terme, nove punti di primo soccorso in spiaggia. Ora andremo oltre“.

Sulla base della percentuale di fumatori in Italia – ha spiegato il vice sindaco, Gianni Carrer – abbiamo calcolato che a Bibione vi siano circa 20 mila fumatori giornalieri; ogni giorno vengono consumate circa 100 mila sigarette. Si stima inoltre che in una estate vengano ‘bruciate’ 25 milioni di sigarette solo in questa località“.

L’idea parte già nel 2011 con una campagna di sensibilizzazione a favore di una spiaggia pulita e libera dal fumo.
Fu creata un’area “Smoke Free” dove le persone venivano invitate a non fumare tramite dei cartelli posizionati sulla spiaggia e furono distribuiti 1.500 questionari in varie lingue per valutare il gradimento dell’iniziativa: il 65% degli intervistati rispose favorevolmente al divieto totale del fumo in spiaggia, il 27% solo a condizione di creare in spiaggia delle zone per fumatori.

La scelta di estendere il divieto a tutta la spiaggia è dettata dal fatto che durante l’estate, la battigia è il luogo più affollato della spiaggia dove dalla mattina alla sera i turisti passeggiano e transitano per andare a fare il bagno ed i bambini giocano con la sabbia e l’acqua del mare.

Si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere in Italia, non solo per il divieto in spiaggia ma perchè effettuata su un’area pubblica così vasta: oltre 8 chilometri di costa.

Fra i partner che sostengono il progetto ci sono l’O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità), il Ministero della Salute, la Regione Veneto, l’ Istituto Nazionale del tumori di Milano e l’Ulss n. 10.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, in particolare, ha curato una pubblicazione scientificaBibione. Respira il Mare” che sarà divulgata in oltre 150 Paesi nel mondo che potrà risultare utile ad altre regioni o paesi che volessero intraprendere simili iniziative nel campo della salute pubblica.

Negli anni Bibione, anche grazie alla qualità ambientale, si è conquistata l’immagine di spiaggia per le famiglie e spiaggia dello sport e del benessere.
Un’iniziativa pionieristica così importante e di grande portata non poteva che nascere qui.

Domani 29 Maggio alle ore 10.30 presso la tendostruttura di Piazzale Zenith è previsto il lancio dell’iniziativa.

BIBIONE, prima spiaggia in Italia senza fumo
BIBIONE, der erste rauchfreie Strand Italiens
Bibione, the first no-smoking beach in Italy

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Bibi

Conferenza stampa presentazione #Bibione4love

Bibi

Bibi

Questa mattina alle ore 11.00 ai casoni di Bibione si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione del progetto social #Bibione4Love, una campagna di marketing che attraverso una serie di iniziative intende promuovere Bibione come destinazione a misura di famiglia e di bambino.

Erano presenti oltre ai rappresentanti delle autorità (Comune, Regione, consorzio Bibione Live, bibione.com), i rappresentanti della carta stampata e del web.

Il luogo scelto, per chi conosce l’entroterra di Bibione, i casoni, la laguna, … era a dir poco favoloso !

Ha aperto la conferenza stampa Moreno Teso, Consigliere Regionale, che ha sottolineato il periodo difficile che sta vivendo il
turismo, auspicando una sempre maggiore integrazione fra pubblico e privato e la necessità di promuovere e valorizzare insieme a Bibione anche l’entroterra e la natura che lo circonda (senza andare lontano basti pensare ai casoni, la laguna, la Vallesina e la Valgrande)

Ha proseguito Gianni Carrer, vicesindaco del Comune di San Michele al Tagliamento, portando i saluti dell’amministrazione ed evidenziando la bontà del progetto e la necessità di trovare sempre nuove formule di promozione utilizzando al meglio “internet, mezzo democratico ma spietato”.

Ha poi preso la parola Giovanni Mazzarotto, presidente del consorzio di promozione turistica “Bibione Live” che ha spiegato l’iniziativa che è di fatto un azione di marketing sperimentale dove il punto di partenza sono le famiglie con bambini, il target tipo di Bibione.
Sono stati analizzati i bisogni, i motivi di scelta e le emozioni di un potenziale turista di Bibione e si è deciso di utilizzare la multicanalità per trasmettere l’immagine della vacanza a Bibione come momento di valorizzazione e di crescita dei valori della famiglia.
Saranno invitati opinion leaders, bloggers e personalità del web e social (Twitter e Instagram) sia italiani che stranieri da Autria e Germania cui mostrare una Bibione che non è solo mare, sabbia, ombrellone e belle camere di hotel per poter creare contenuti da riversare online ed offline.

Silvio Scolaro, Presidente di BibioneOnline, ha sottolineato che l’aspetto social dell’evento non si è concentrato solo sul web ma ha coinvolto il territorio e considerando che è dedicato ai bambini si è partiti proprio dalle scuole.
Ha ricordato i 2 giorni di formazione che si sono tenuti presso la sede dell’ABA (l’associazione Bibione Albergatori) che ha visto oltre 90 iscritti.

Ha chiuso la presentazione Alessio Carciofi, esperto di marketing turistico e social media ed ideatore del progetto #Bibione4love.

La campagna durerà dal 29 Maggio al 30 Settembre 2014 e si comincerà con l’esposizione dei 900 disegni dei bambini delle scuole dedicati alla mascotte Bibi presso una tensostruttura allestita in Piazzale zenith.

Il 31 Maggio ci sarà il workshop del fumetto con la presenza della fumettista Paola Cannatella, vincitrice del “Fumetto International Talent Award” che terrà un corso di fumetto in cui i bambini potranno iniziare a familiarizzare con le tecniche di disegno di base.

Sono previsti anche eventi e iniziative in collaborazione con l’Immaginario Scientifico di Trieste, il museo della scienza interattivo e multimediale, famoso per l’utilizzo di originali tecniche espositive e innovative metodologie di animazione didattica.

Un estate 2014 a misura di bambino quella di Bibione, dove i piccoli protagonisti in compagnia della mascotte Bibi, della famosa vignettista Paola Cannatella e dello staff della Jolly Animation scopriranno le bellezze di Bibione, imparando e divertendosi.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail