Archivio dei tag Pasqualino Codognotto

Andrea Gallo, Commandante Polizia Locale a San Michele al Tagliamento-Bibione

San Michele al Tagliamento – Bibione più sicuri

Andrea Gallo, Commandante  Polizia Locale a San Michele al Tagliamento-Bibione

Andrea Gallo, Commandante Polizia Locale a San Michele al Tagliamento-Bibione

E’ da poco partito il nuovo piano per la vigilanza notturna nel comune di San Michele al Tagliamento e quindi anche a Bibione, organizzato dal Comandante della Polizia Municipale Andrea Gallo e supportato dall’Amministrazione comunale.

Attualmente il Comando di Polizia Locale di San Michele è l’Unico del Portogruarese a svolgere il servizio fino all’una di notte ogni giorno e d’ora in poi le pattuglie saranno in servizio, in deteminate serate/nottate, anche oltre l’una di notte, potenziando così i controlli su strada e raddoppiando i posti di blocco.

I dati che abbiamo a disposizione – spiega Andrea Gallo, dirigente della Polizia Locale di San Michele, parlando delle azioni intraprese contro la microcriminalità, in particolare contro i furti  – sono molto confortanti.
Rispetto a realtà vicine, gli episodi di furto sono decisamente scarsi, certo non assenti, e questo risultato è il frutto della collaborazione con le altre forze dell’ordine e del pattugliamento capillare che facciamo tutti i giorni fino all’una di notte. Oltre al pattugliamento del territorio è necessario accompagnare la presenza su strada anche con l’identificazione delle persone che transitano per intercettare i maleintenzionati. Il semplice pattugliamento infatti non è sufficiente. Per questo le pattuglie aumenteranno i posti di blocco.
Con i servizi in borghese riusciamo ad essere più incisivi nei controlli soprattutto in fase repressiva“.

Bene continuare su questa linea di stretto controllo del territorio – ha dichiarato il sindaco di San Michele al Tagliamento – Bibione, Pasqualino Codognottovogliamo che la sicurezza urbana sia un fattore di qualità del nostro Comune sia d’estate che d’inverno

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Bibione Thermae

Code alle terme? si pensa al “biglietto a tempo”

Bibione Thermae

Bibione Thermae

Approffitando delle vacanze di Natale, molte famiglie avevano deciso di passare la giornata alle terme di Bibione e come succede spesso  in questi casi si sono registrate lunghe code e attese all’ingresso, anche superiori all’ora, con relative lamentele della clientela.

Il sindaco di San Michele al Tagliamento – Bibione, Pasqualino Codognotto, si è dichiarato soddisfatto del grande afflusso.

Il presidente di Bibione Terme, Franco Anastasia, sorpreso dalle numerose presenze, ha dichiarato al quotidiano “La Nuova Venezia”:

Non neghiamo che c’è stato qualche intoppo, tuttavia stiamo studiando dei correttivi per permettere ai nostri clienti di attendere il meno possibile. Nelle giornate in cui le scuole sono chiuse registriamo un notevole afflusso di famiglie nel nostro centro. È normale.
Stiamo pensando di diversificare le nostre tariffe e introdurre il biglietto a tempo. Proprio per favorire il ricambio e ridurre i tempi d’attesa.
Col regime di ingressi attuale, chi entra alle 9 può uscire alle 20, e questo certo non favorisce la riduzione dei tempi d’attesa“.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Mozziconi sigarette in spiaggia

Bibione, “Spiaggia senza fumo” dal 2014

Mozziconi sigarette in spiaggia

Mozziconi sigarette in spiaggia

Durante il convegno “Tabacco e salute” organizzato il 13 settembre 2013 al Savoy Beach Hotel di Bibione dal Progetto Mattone Internazionale e dall’azienda Ulss 10, col patrocinio del Ministero della Salute il sindaco di San Michele al Tagliamento, Pasqualino Codognotto ha annunciato che a Bibione nel 2014 sarà lanciato il primo progetto in Italia di “Spiaggia libera dal fumo”.

E’ un tema importante che riguarda non solo un rischio per la salute sempre più sentito e discusso in Italia ed all’estero ma anche l’ecologia e la pulizia dell’arenile dove nonostante varie attività di sensibilizzazione messe in atto negli ultimi anni, continuano ad essere gettati sulla sabbia notevoli quantità di mozziconi.

“Bibione vuol diventare una spiaggia del benessere – ha annunciato Codognotto – e saremo i primi in Italia se non addirittura in Europa. Sposteremo i tabagisti a monte dell’arenile, lasciando la parte a ridosso del mare libera dal fumo”.

“Sarà a tutti gli effetti una maxi operazione di prevenzione contro il tabagismo – ha commentato il direttore generale dell’Ulss 10, Carlo Bramezza. I fumatori, come già accaduto a suo tempo con la legge Sirchia che vietò il fumo nei locali pubblici, capiranno che non è una proibizione bensì una opportunità per vivere una vacanza in salute”.

Fin dal 2011, a Bibione si sono sperimentate aree di spiaggia “Smoke Free” in cui è vietato fumare, riscuotendo il consenso di molti turisti, come ha confermato un sondaggio effettuato su 1500 clienti alloggiati in varie strutture turistiche dal quale risultò che il 92% degli intervistati era favorevole all’iniziativa (il 27% solo a condizione di creare zone apposite per fumatori).

“Sulla base della percentuale di fumatori in Italia, è stato calcolato che a Bibione ci sono circa 20 mila fumatori giornalieri e ogni giorno vengono consumate circa 100 mila sigarette. Si stima inoltre che in una estate vengano “bruciate” 25 milioni di sigarette, solo in questa località.
C’è infine un altro aspetto – ha dichiarato Il Vicesindaco Gianni Carrer, promotore dell’iniziativa nel 2012 – ossia il grave inquinamento che provocano i mozziconi che raccogliamo in grande quantità: il 27% dei rifiuti raccolti in spiaggia deriva dalle sigarette”.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
App smartphone servizi sanitari in Veneto

Informazioni sui servizi sanitari tramite app in Veneto

App smartphone servizi sanitari in Veneto

App per smartphone sui servizi sanitari in Veneto

Venerdì 16 agosto 2013, alle ore 10,45, presso la sede della Delegazione comunale di Bibione (via Maja), Luca Zaia (Presidente della Regione Veneto), Pasqualino Codognotto (Sindaco del Comune di San Michele al Tagliamento) e Carlo Bramezza (Direttore Generale dell’Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 10), presenteranno alla stampa una app in 3 lingue per smartphone che fornirà, ai turisti delle spiaggie Veneziane, fra le varie funzioni, informazioni sulle strutture sanitarie e sui servizi sanitari erogati e la possibilità di recarsi ai vari ambulatori guidati dal proprio cellulare tramite un servizio di geolocalizzazione.

A supporto del progetto è stato anche messo online un “mini sito” dedicato ai turisti.

Alla presentazione saranno presenti imprenditori del turismo balneare, giornalisti, rappresentanti delle forze dell’ordine e i Sindaci del Veneto orientale.

Al termine della conferenza stampa sarà organizzata una visita al litorale di Bibione a bordo di jeep aperte per permettere le riprese degli operatori televisivi.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Detritti alla foce del Tagliamento dopo la mareggiata

Danni mareggiate e concessioni demaniali

Detritti alla foce del Tagliamento dopo la mareggiata

Detritti alla foce del Tagliamento dopo la mareggiata

25 milioni di euro è la prima stima dei danni provocati dalle mareggiate che si sono abbattute sulle spiaggie della costa veneta nel mese di novembre da Bibione a Chioggia, fatta dai tecnici regionali del Genio Civile, coordinati dall’ingegnere Salvatore Patti, che hanno compiuto dei sopralluoghi, cui hanno preso parte anche Gianni Martin e Sergio Grego per il Consorzio di Bonifica del Veneto Orientale, rispettivamente presidente e direttore dell’ente.

La cifra stimata sarebbe probabilmente superiore se si considerassero anche i danni provocati all’ambiente (pinete, dune e fondali).

Il fenomeno erosivo della costa adriatica che si estende anche alle pregiatissime componenti ambientali quali pinete, dune, zone Sic e Zps, è così vasto e importante per tutta l’area che ritengo necessario – ha affermato Pasqualino Codognotto, Sindaco di S. Michele al Tagliamento – presentare una puntuale relazione anche al governo nazionale e alla comunità europea. Tali iniziative dovranno essere concertate con la stessa Regione“.

Già dopo la prima esondazione del Cavrato, il Sindaco Codognotto aveva fatto notare la necessità di chiedere dei fondi all’Unione Europea.

Se è vero, come riferiscono i tecnici, che la sabbia apportata dal fiume Tagliamento arriva fino a Cavallino-Treporti, è necessario uno studio e un’analisi sul problema dell’erosione marina che tenga conto degli effetti del moto ondoso su tutto il litorale del Nord Adriatico e non solo su singole spiaggie o parti di esse.

Altro argomento che interessa le spiaggie venete è la direttiva Bolkestein sulle concessioni demaniali per gli stabilimenti balneari, di cui abbiamo già scritto in un post precedente, la cui applicazione è stata prorogata, alcuni giorni fa, di 5 anni da parte della Commissione Industria del Senato, spostando quindi la scadenza dal 2015 al 2020.

Questa è un’arma a doppio taglio che non risolve un bel niente – ha dichiarato Pasqualino Codognotto – anche in questo caso dobbiamo aspettare e avere pazienza“.

I sindaci di San Michele al Tagliamento-Bibione, Caorle, Chioggia, Eraclea, Cavallino e Jesolo hanno richiesto un incontro urgente al governatore della Regione Veneto, Luca Zaia per discutere di entrambe le questioni.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail