Archivio dei tag Tagliamento

Il fiume Tagliamento

Il fiume Tagliamento, Patrimonio dell’Umanità

Il fiume Tagliamento

Il fiume Tagliamento

Dalla sezione “News” del sito del Comune di San Michele al Tagliamento, apprendiamo che il Sindaco, Pasqualino Codognotto, ha l’intenzione di candidare il fiume Tagliamento a diventare sito dell’UNESCO ed ha quindi avanzato la proposta a tutti i Comuni e agli Enti che hanno competenza sul corso del fiume di porre le basi affinché si dia l’avvio alla formale procedura di riconoscimento del valore internazionale del fiume.
Il Sindaco spiega ed approffondisce nella notizia le molteplici ed importanti ragioni: “Innanzitutto la sintesi mirabile di ambienti continentali che si sviluppa lungo l’intero corso del fiume al punto che si può affermare che il Tagliamento, al pari di pochi altri fiumi, esprime la successione ecologica che intercorre tra la Tundra artica e il Mediterraneo. Dalle vallette nivali del Cridola e del Pramaggiore, alla Palude di Cima Corso e poi giù alle grave di Cornino e Pinzano e fino ai boschi rivieraschi del corso di bassa pianura per finire presso le dune fossili del versante bibionese di foce, una comunità vivente di rara ricchezza e bellezza si conserva esprimendo tutta la sua vitalità. Si tratta di un autentico “archivio storico” della storia naturale relativa a millenni del periodo postglaciale che non trova riscontri. Questo nostro straordinario fiume non è soltanto naturalità, bensì paesaggio, e nel paesaggio perifluviale si esprimono le molteplici culture delle comunità rivierasche. Culture, e talvolta autentiche civiltà, legate al fiume e alle sue risorse da relazioni di sfruttamento compatibile. Da Forni di Sopra, con le sue abitazioni di legno e sasso, alle borgate di bassa pianura protette da solide arginature, una galassia di comunità umane intrattiene con il Tagliamento rapporti antichi di frequentazione, formando un insieme unitario prezioso. Ecco allora che il fiume diviene espressione dell’anima di una intera comunità e al tempo stesso risorsa imprescindibile del suo futuro e dunque della sua continuità e del suo sviluppo. Per questo ritengo che il progetto “Fiume Tagliamento Patrimonio dell’Umanità” sia più che un’ambizione, una scommessa e un impegno, volti a garantire la conservazione di un bene che è insieme storia locale e natura europea. A breve inviterò a San Michele al Tagliamento, per una tavola rotonda, tutti i Sindaci rivieraschi, le Autorità politiche ed amministrative che hanno competenze sul fiume per discutere insieme questo progetto che non porterà con sé vincoli e limiti, bensì grandi potenzialità e sviluppo ecosostenibile lungo tutti i suoi meravigliosi 180 km di corso, dal Passo della Mauria al mare Adriatico.”

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
erosione della spiaggia a Bibione

Finanziati 2 milioni e mezzo di euro per la difesa dei litorali

erosione della spiaggia a Bibione

erosione della spiaggia a Bibione

L’Assessore all’Ambiente e alla Difesa del Suolo della Regione Veneto, Maurizio Conte, ha dato comunicazione che sono stati assegnati, dalla Giunta Regionale, 2 milioni e mezzo di euro per la realizzazione di interventi di difesa dei litorali e arenili.

Nella stessa comunicazione ha fatto rilevare che nel bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012 era disponibile solo un milione di euro per tale tipo di interventi, ma tale importo non avrebbe consentito l’avvio dei normali interventi di manutenzione dei litorali in erosione.

La lunghezza del litorale veneto – ha dichiarato l’assessore – è di circa 210 km, dei quali quasi 120 km interessati da strutture turistiche di particolare importanza e valenza per l’economia regionale.
Al fine di poter dar corso a una serie di interventi di manutenzione e ripascimento annuale dei litorali che maggiormente presentano problematiche di erosione, si è ritenuto quindi di integrare le risorse con una parte delle risorse disponibili nel bilancio regionale per interventi di riduzione del rischio idrogeologico“.

Il riparto prevede l’assegnazione di
800 mila euro all’Ufficio del Genio Civile di Venezia per interventi di manutenzione e ripristino della linea di costa nel tratto di litorale compreso tra la foce del fiume Tagliamento (quello che interessa direttamente Bibione) e la foce del fiume Piave;
– 700 mila euro all’Ufficio del Genio Civile di Rovigo per interventi nel tratto di litorale compreso tra la foce del fiume Adige e la foce del fiume Po di Goro;
– Un milione di euro al Magistrato alle Acque di Venezia che utilizzerà 500 mila euro per interventi di manutenzione e ripristino della linea di costa del litorale nei Comuni di Jesolo e Cavallino-Treporti e gli altri 500 mila euro per il litorale nel Comune di Chioggia.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
pista ciclabile a Bibione

Biciclettata di Pasquetta da Cesarolo a Bibione

pista ciclabile a Bibione

pista ciclabile a Bibione

L’Associazione Culturale Vivilabici (aderente alla F.I.A.B., Federazione Italiana Amici della Bicicletta) di San Donà di Piave, organizza per Lunedì 9 Aprile 2012 (Pasquetta) una biciclettata da Cesarolo a Bibione, lungo la sponda destra del fiume Tagliamento (circa 52 km).

Il percorso cicloturistico del Tagliamento parte da Cesarolo per poi passare Bevazzana, il centro di Bibione, Porto Baseleghe, Bibione Pineda, la pista ciclabile del lungomare di Bibione, il faro di Bibione, la Valle Grande, il Canale Nuovo, IV Bacino, Marinella per poi rientrare a Cesarolo.

Programma
Ore 08.30  Ritrovo a S. Donà di Piave (Piazza Rizzo).
Ore 08.45  Partenza  in auto  verso Cesarolo (percorso : S.S. 14 in direzione Portogruaro e poi Latisana;  arrivati a S. Michele al Tagliamento girare a destra in direzione Bibione e poi a sinistra verso il centro di Cesarolo. Parcheggio intorno alla chiesa di Cesarolo).
Ore 09.45  Partenza  in bici  da Cesarolo.
Ore 11.15  Pausa caffè a Bevazzana.
Ore 11.30  Si riprende a pedalare verso il centro di Bibione, Portobaseleghe, Bibione Pineda e pista ciclabile sul lungomare di Bibione (altra sosta tecnica).
Ore 13.00  Pranzo al sacco presso le foci del Tagliamento (spiaggia del faro di Bibione).
Ore 14.30  Inizio del ritorno verso Cesarolo: si attraversa l’oasi naturalistica della pineta delle foci del Tagliamento, quindi: Valle Grande – Bevazzana (pausa caffè) – canale Nuovo – IV Bacino – Marinella – Cesarolo.
Ore 16.30  Arrivo a Cesarolo.
Ore 17.30  Arrivo a S. Donà

Tutti potranno partecipare. Ai soci dell’associazione Vivilabici verrà chiesto il contributo di 1,00 € per la copertura assicurativa; ai  non soci verrà chiesto il contributo di  3,00 €  per la copertura assicurativa e per le spese di organizzazione.
Il percorso totale sarà di circa  52 km, pianeggiante, per metà su piste ciclabili. All’inizio si percorrerà un lungo sterrato (circa 10 km) sull’argine del Tagliamento per cui è consigliato l’uso di una city bike o di una mountain bike.

Maggiori informazioni:
email:  postmaster@vivilabici.it oppure associazione@vivilabici.it
cell.: 338 5956215
fax 0421 1880141
internet: www.vivilabici.it

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
tuffo nel Tagliamento per la Befana

Tuffo nel Tagliamento fuori stagione

tuffo nel Tagliamento per la Befana

tuffo nel Tagliamento per la Befana

Dopo il tuffo in mare a Bibione del giorno di Capodanno, ieri mattina, abbiamo assistito di nuovo ad un tuffo nelle acque fredde.

Questa volta, davanti a centinaia di spettatori, 25 atleti specialisti provenienti dal mondo del triathlon e del master di nuoto (oltre a varie società friulane e venete, dal Cus Udine, Udine Triathlon, San Vito al Tagliamento, Caorle Triathlon e Treviso Triathlon), partendo dalla sponda di San Michele al Tagliamento, hanno attraversato a nuoto il fiume Tagliamento e raggiunto la sponda opposta di Latisana.

Il tempo migliore assoluto per attraversare i 125 metri che separano le due rive del Tagliamento è stato di 49 secondi, mentre il tempo migliore fra le atlete femminili è stato un minuto e 14 secondi.

L’evento è stato seguito, per quanto riguarda la sicurezza, dai volontari del soccorso, dai Vigili del fuoco del distaccamento di Latisana e dalle squadre comunali di Protezione civile di Latisana e San Michele al Tagliamento.

Ad attenderli c’erano applausi e un tendone riscaldato.

Le difficoltà maggiori per gli atleti, alcuni con la muta e alcuni senza, sono state l’impatto con l’acque gelida (circa 9°) e la permanenza in acqua il tempo necessario a fare la traversata ma alla fine, tutti rigorosamente in costume, hanno compiuto un tuffo di gruppo nel Tagliamento, salutando i numerosi presenti e i rappresentanti delle due amministrazioni comunali.

L’evento organizzato con il patrocinio delle due amministrazioni comunali di Latisana e San Michele al Tagliamento, rappresentate dai rispettivi sindaci Salvatore Benigno e Pasqualino Codognotto potrebbe diventare un appuntamento fisso da ripetersi ogni anno nel giorno della Befana, collegando con questa prova fuori stagione le due sponde del Tagliamento di San Michele al Tagliamento e di Latisana.

“È stato come un incontro di buon vicinato – ha commentato Benigno – il primo di una serie che come amministrazioni comunali abbiamo intenzione di organizzare per il 2012 in ambito culturale ed enogastronomico e già alla fine di questo mese ci incontreremo per organizzare queste manifestazioni che portino a vivere le rispettive sponde del fiume come una risorsa turistica”.

Video di Antenna TRE Nordest

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail