Archivio dei tag entroterra

Cosa fare a Bibione in caso di pioggia

Cosa fare a Bibione in caso di pioggia: 6 buoni motivi per scegliere Bibione!

Hai controllato le previsioni meteo e hai visto che per la settimana a Bibione che hai prenotato prevedono qualche giorno di pioggia? Non ti scoraggiare. Ci sono almeno 6 buoni motivi per scegliere Bibione anche in caso di pioggia.

  1. Le terme di Bibione, consigliate anche per le famiglie con bambini, sono un’ottima occasione per unire benessere e salute con divertimento. Ampie piscine di diverse altezze pensate anche per i bambini.
  2. Approfitta delle palestre a Bibione scegliendo tra:
    – Fitness Bibione Capalonga, Viale Laguna 14;
    – Fitness Bibione Thermae, Via delle Colonie 3
    Ma puoi sempre informarti se nell’albergo in cui hai prenotato la tua vacanza a Bibione ha la palestra interna oppure se possiede qualche particolare convenzione con le terme;
  3. I vigneti biologici di Lison Pramaggiore, le cantine aperte e i prodotti tipici del territorio, a pochi chilometri di strada, sono tutti da scoprire;
  4. Un po’ di shopping non guasta mai. Ecco l’elenco di alcuni centri commerciali vicini a Bibione:
    – Centro Commerciale Adriatico 2, via Prati Guori, 29 a Portogruaro (Ve);
    – Brico IO, via Arma Aeronautica 18 a Portogruaro (Ve);
    – Designer Outlet, via Marco Polo 1 a Noventa di Piave (Ve);
    – Ikea Villesse, località Maranuz 1 a Villesse;
    – Conforama a Palmanova.
  5. Visitare le più belle città d’arte vicino a Bibione come Portogruaro, Concordia Sagittaria, Udine, Trieste e Venezia, facilmente raggiungibili in treno e con i mezzi pubblici;
  6. Se non piove ma è una giornata un po’ incerta, puoi portare i tuoi figli a visitare il Parco Zoo di Lignano e trascorrere una giornata in allegria con la famiglia oppure fare un bel giro in bici lungo le tante piste ciclabili per scoprire non solo il lungo mare ma anche la bellissima entroterra.

Bibione è la vacanza ideale al mare…anche in caso di pioggia. Non esitare di scegliere Bibione e cerca subito la migliore offerta speciale per i tuoi giorni di riposo e relax.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
Incontro fra i Sindaci

Incontro a Bibione fra i Sindaci delle Spiaggie del Veneto

Incontro fra i Sindaci

Incontro fra i Sindaci

Venerdì 8 Giugno 2012 alle ore 16.00, presso la delegazione comunale di Bibione, si è tenuto un incontro, voluto dal sindaco di San Michele al Tagliamento, Pasqualino Codognotto, tra i sindaci del litorale Veneto.
Hanno partecipato, oltre naturalmente allo stesso Pasqualino Codognotto Sindaco di Bibione-San Michele al Tagliamento, i sindaci Luciano Striuli di Caorle, Valerio Zoggia di Jesolo, Giorgio Talon di Eraclea, Claudio Orazio di Cavallino-Treporti e Giuseppe Casson di Chioggia, rappresentando così tutta la Costa Veneta.

Gli argomenti di discussione sono stati i tagli alla promozione turistica e all’informazione ed accoglienza, la stampa dei listini prezzi degli alberghi e delle mappe, le concessioni demaniali di prossima scadenza, l’abusivismo commerciale, la liberalizzazione degli orari, la sicurezza sulle spiaggie ed i rinforzi estivi alle forze dell’ordine.

È stato anche discusso su come muoversi in mancanza di finanziamenti, sulla partecipazione ai bandi per l’assegnazione dei Fondi Fas destinati ad aree sottosviluppate, per i quali la montagna è già quasi pronta, sulla presentazione di progetti strategici per tutta la costa in modo da dare maggiore importanza alle situazioni di disagio comuni alle varie realtà, quali l’erosione della spiaggia, in vista della prossima programmazione europea dei fondi 2014-2020.

Tutti argomenti molto concreti, urgenti ed attuali che richiedono strategie comuni ed una maggiore collaborazione tra gli amministratori delle varie spiaggie venete.

Dopo anni di tentativi, senza risultati, da parte di assessori e politici, questo è probabilmente il primo tentativo da parte di un sindaco per cercare di creare squadra con dei colleghi per trovare delle soluzioni comuni a problemi che in un modo o nell’altro toccano tutti.

Ognuno di essi, sulla base della propria storia politico-amministrativa ed esperienze, proporrà idee e soluzioni per tentare di superare questo difficile periodo di crisi delle maggiori località turistiche, non certo aiutate dai recenti terremoti in Emilia ed in Friuli, dal maltempo, dai continui annullamenti e dal grave calo della domanda in bassa stagione con un Giugno che a parte rari week-end rimane semivuoto.

Il presidente dell’ambito provinciale del Turismo, Enrico Miotto ha dichiarato sul quotidiano La Nuova di Venezia e Mestre: “La Provincia ha in programma un consiglio straordinario, mentre dalla Regione non ci sono novità. L’attenzione si concentra su altre zone del Veneto e la riforma tarda ad arrivare. Dobbiamo recuperare subito i fondi per circa 1 milione e mezzo di euro e garantire l’anno in corso. Venezia e i Comuni della gronda lagunare vivono di turismo 12 mesi l’anno. Negli uffici Apt possiamo sviluppare attività commerciali, vendere il prodotto turistico e fare marketing per operatori e turisti. Migliaia di persone visitano San Marco tutti i giorni e questa è una vetrina per il territorio. Dobbiamo puntare su un coordinamento unico tra i Comuni della costa per la promozione all’estero. Mettendo assieme la prima Provincia turistica d’Italia con i Comuni del mare, l’Apt avrebbe il ruolo che aveva in passato di coordinamento di tutte le attività turistiche. Basta campanilismi: sole, mare e qualità dei servizi sono i punti qualificanti. Unendo i vari Comuni avremmo una riduzione dei costi con economie di scala. Basti pensare ai fuochi d’artificio che tutti organizzano singolarmente e che insieme consentirebbero un forte risparmio.Avremmo una migliore gestione del personale e l’utilizzo delle sedi delle Apt come punto d’incontro con le varie realtà imprenditoriale del territorio”.

Questa settimana, la Provincia dovrà chiarire ai sindaci cosa intenderà fare dell’Apt. “Se l’Apt chiude – ha dichiarato il sindaco di Jesolo – subentreremo noi comuni con un organismo che sarà unico per tutti, basta differenze”.

Forse sarà la fine dei campanilismi fra spiaggie e vedremo l’intera Costa Veneta proposta come un unico prodotto turistico invece che come singole spiaggie confinanti in concorrenza l’una con l’altra come si è visto per tanti anni in varie occasioni.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
Festa della Sensa a Venezia

Festa della Sensa o Ascensione a Venezia 2012

Festa della Sensa a Venezia

Festa della Sensa a Venezia

A Venezia questo week-end si celebra la Festa della Sensa (Festa dell’Ascensione), che ogni anno richiama a Venezia molti visitatori, anche fra i turisti in vacanza a Bibione, cui consigliamo una gita a Venezia, per assistere al tradizionale Sposalizio del Mare.

La Festa della Sensa era la festività del giorno dell’Ascensione di Cristo (“Senza” appunto in dialetto veneziano) durante la Repubblica di Venezia.
Durante questa festività si commemoravano 2 eventi importanti per la Serenissima:
– il 9 maggio dell’anno 1000, quando il doge Pietro II Orseolo soccorse le popolazioni della Dalmazia minacciate dagli Slavi.
– l’anno 1177, quando, sotto il doge Sebastiano Ziani, Papa Alessandro III e l’imperatore Federico Barbarossa stipularono a Venezia il trattato di pace che pose fine alla diatriba secolare tra Papato e Impero.

In occasione di questa festa si svolgeva il rito dello Sposalizio del Mare.
Quel giorno, ogni anno, il Doge, sul Bucintoro ( la galea di stato dei dogi di Venezia), raggiungeva S. Elena all’altezza di San Pietro di Castello dove ad attenderlo c’era il Vescovo, a bordo di una barca con le sponde dorate, pronto a benedirlo.
Per sottolineare il dominio della Serenissima col mare, alla fine della Festa, il Doge, una volta raggiunta la Bocca di Porto, lanciava nelle acque un anello d’oro, come rito propiziatorio.

Oggi a Venezia si continua a celebrare l’evento, con un corteo di imbarcazioni tradizionali a remi da San Marco al Lido, alla cui testa c’è la “Serenissima”, imbarcazione sui cui prendono posto il sindaco e le altre autorità cittadine e da cui viene tutt’oggi celebrato il rito dello sposalizio con il mare attraverso la cerimonia del lancio in acqua di un simbolico anello e la successiva funzione religiosa nella chiesa di San Nicolò di Lido.

Il programma è arricchito dal Mercatino della Sensa presso la chiesa di San Nicolò di Lido, dalle competizioni di voga alla veneta e numerose altre manifestazioni.

Il 2012 sarà anche l’occasione per la consegna del “Premio Osella d’Oro della Sensa” assegnato ad Enti, Istituzioni e privati cittadini che, con la loro attività nel settore della cultura, dell’artigianato e del commercio, hanno dato lustro alla città di Venezia.

PROGRAMMA

SABATO 19 MAGGIO 2012

Ore 14.00 – 19.00
Lido di Venezia, San Nicolò
Mercatino della Sensa (a cura del Circolo Arci Pablo Neruda del Lido)

Ore 17.00
Venezia, Fondazione Studium Generale Marcianum (Dorsoduro, 1 – ingresso su invito)
Gemellaggio Adriatico con il Comune di Asiago (VI) e convegno di studio sui rapporti storico-culturali tra le città di Venezia e di Asiago, a cura del sindaco di Asiago Andrea Gios.
Premio “Osella d’oro della Sensa 2012”

Ore 21.00
Venezia, Chiesa di San Salvador (San Marco, 4835)
Concerto “Venecie, mundi splendor – sulle tracce di Johannes Ciconia” del gruppo laReverdie, in occasione del seicentenario della morte di Magister Johannes Ciconia (1370ca-1412), la cui attività fu collegata strettamente alle città di Venezia, Padova e più in generale all’area lombardo-veneta.

DOMENICA 20 MAGGIO 2012

Ore 9.30-19.00
Lido di Venezia, S. Nicolò
Mercatino della Sensa (a cura del Circolo Arci Pablo Neruda del Lido)

Ore 9.00
Raduno imbarcazioni in Bacino di San Marco

Ore 9.15
Partenza del corteo acqueo per S. Nicolò di Lido

Ore 10.15
Cerimonia dello Sposalizio del Mare davanti alla Chiesa di San Nicolò di Lido

Ore 10.00
Partenza della Regata dei Giovani su pupparini
a cura dell’Associazione Regatanti Venezia

Ore 10.30
Partenza della Regata della Sensa su gondole a 4 remi
A cura dell’Assessorato al Turismo del Comune di Venezia
Percorso delle regate: Bacino di San Marco – Riviera San Nicolò, dove a seguire si svolgeranno le premiazioni

Ore 11.30
Santa Messa nella chiesa di San Nicolò di Lido

Il programma potrebbe subire modifiche ed integrazioni

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
La Notte dei Musei 2012

La Notte dei Musei 2012 in Veneto e Friuli

La Notte dei Musei 2012

La Notte dei Musei 2012

Per il 4° anno consecutivo, con lo slogan “spaventosamente gratuita“, torna l’evento organizzato dal ministero dei Beni culturali, “La Notte dei Musei“.
Sabato 19 maggio 2012, infatti, dalle ore 20.00 alle ore 2.00 della notte, musei ed aree archeologiche statali saranno aperti gratuitamente, per permettere a tutti una diversa fruizione “fuori orario” del patrimonio artistico italiano.
Le opportunità saranno molte, anche perchè in molti luoghi saranno organizzati eventi collaterali quali concerti, mostre tematiche e percorsi guidati.

Per i turisti in vacanza a Bibione, di seguito l’elenco dei musei, aree e parchi archeologici statali aperti in Veneto e Friuli per l’evento “La Notte dei Musei”:

FRIULI VENEZIA GIULIA
Area Archeologica di Aquileia – Aquileia (UD):    20.00 – 02.00( chiusura biglietteria ore 01.00)
Museo Archeologico Nazionale di Cividale – Cividale(UD): 20.00 – 02.00 (chiusura biglietteria ore 01.30)
Museo Storico del Castello Miramare – Trieste: 20.00 – 02.00 (ultimo ingresso ore 01.00)

VENETO   
Museo Nazionale Atestino – Este (PD): 20.00 – 02.00
Museo Archeologico Nazionale di Adria – Adria (RO): 20.00 – 02.00
Museo Archeologico Nazionale di Fratta Polesine – Fratta Polesine(RO): 20.00 – 02.00
Museo Nazionale Concordiese – Portogruaro (VE): 20.00 – 02.00
Area Archeologica a nord del Museo di Altino –    Quarto d’Altino (VE): 20.00 – 02.00
Area Archeologica a est del Museo di Altino – Quarto d’Altino (VE): 20.00 – 02.00
Museo Archeologico Nazionale di Altino – Quarto d’Altino (VE): 20.00 – 02.00
Gallerie dell’Accademia – Venezia (VE): 20.00 – 02.00
Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro – Venezia: 20.00 – 02.00
Museo Archeologico di Venezia –    Venezia: 20.00 – 02.00
Museo di Palazzo Grimani – Venezia: 20.00 – 02.00

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del ministero www.beniculturali.it e sull’applicazione gratuita per smartphone i-MiBAC top 40.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
Latisana dopo i bombardamenti del 1944/45

San Michele e Latisana ricordano i bombardamenti del Maggio 1944

Latisana dopo i bombardamenti del 1944/45

Latisana dopo i bombardamenti del 1944/45

Le Amministrazioni Comunali di Latisana e di San Michele al Tagliamento, commemorano Sabato 19 Maggio 2012, il tragico bombardamento del 19 maggio 1944 ad opera di un attacco aereo americano, che distrusse quasi completamente San Michele e colpì duramente Latisana.

A Latisana vennero pesantemente danneggiati il ponte pedonale (quello ferroviario rimase illeso) e furono distrutti molti edifici pubblici e privati del capoluogo e si contarono numerosi morti e feriti, oltre che tantissimi senza tetto.

L’evento impressionò molto la popolazione locale tanto che il doloroso ricordo è ancora oggi particolarmente vivo e per ricordare quei drammatici eventi, gli Assessorati alla Cultura dei due Comuni organizzano una mostra suddivisa in due sezioni, una documentaria e l’altra pittorica che verrà allestita presso la sala conferenze del Centro Polifunzionale di Latisana dal 19 maggio al primo giugno 2012.
Per la sezione documentaria verranno esposte fotografie e cartoline d’epoca, non solo legate ai tragici fatti del maggio 1944, ma anche illustranti le due cittadine negli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso.
Per la sezione pittorica saranno esposti quadri ispirati agli stessi fatti e al medesimo periodo storico sopra indicato, nonché opere che riproducono vedute caratteristiche delle due cittadine.

Verrà data preferenza ai documenti e alle opere che mettono a confronto lo stesso soggetto (es. scorci di città, strade, edifici, piazze, luoghi significativi ecc.) ritratto com’era nel periodo storico preso in esame e come appare oggi.

PROGRAMMA – Sabato 19 Maggio 2012

Ore 17.00
Ritrovo presso il Monumento Vittime Civili e Militari di San Michele Vecchio in via Don Bosco
Alzabandiera e deposizione di una corona d’alloro
Santa Messa in suffragio e commemorazione di tutte le vittime officiata da Mons. Natale Azzan e Mons. Carlo Fant accompagnata dai Gruppi Corali “San Giorgio” e “Latisanese”
In caso di maltempo la Santa Messa si terrà presso la parrocchia di San Michele al Tagliamento

Ore 18.00
Trasferimento con mezzi propri a Latisana. All’altezza del ponte sul fiume Tagliamento suono della sirena per il pre-allarme bombardamenti

Ore 18.15
Presso il Centro Polifunzionale di Latisana in via Goldoni n. 22

Inaugurazione della mostra fotografica e pittoricaLatisana e San Michele al Tagliamento ieri e oggi – 19 maggio 1944 – 19 maggio 2012
La mostra resterà aperta dal 19 maggio al 1 giugno 2012 con il seguente orario:
lunedì e mercoledì 9.30-13.00 e 15.30-19.00, martedì e giovedì 15.30-19.00, venerdì 9.30-13.00

Proiezione di un filmato storico dei bombardamenti dal titolo “Tempesta sul Tagliamento” e conferenza con proiezione di fotografie d’epoca sulle incursioni aeree in Friuli con gli storici Errico de Luca, Luca Cossa, Roberto Bassi, Michele D’Aronco, a cura del Consorzio Memoria Storica di Tricesimo e di “Aviani & Aviani Editori” di Udine con interventi musicali del Gruppo Corale Latisanese e della Corale San Giorgio di San Giorgio al Tagliamento

Saranno presenti le associazioni d’arma con i propri labari
Maggiori informazioni:
Biblioteca Civica
c/o Centro Polifunzionale
via Goldoni n. 22
Latisana
tel. 0431/520686 – 512840
e-mail biblioteca@comune.latisana.ud.it

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail