Archivio dei tag enogastronomia

Septemberfest Bibione 2015

Septemberfest a Bibione 2015

Septemberfest Bibione 2015

Septemberfest Bibione 2015

Il 9 e 10 settembre ci sarà il Septemberfest, un evento di Bibione ideale per festeggiare la fine dell’estate gustando i prodotti tipici del territorio come, per esempio, porchetta, salame, polenta, calamari e molto altro.
È la festa dell’uva e del buon vino, ma anche del formaggio DOP e IGP delle casearie venete.
Si potranno degustare i vini di Lison –Pramaggiore abbinati ai formaggi, ai dolci, al pane senza dimenticare le buone confetture biologiche.

Quest’anno il Septemberfest compie 32 anni e nel tempo è diventato uno dei più importanti eventi enogastronomici di Bibione per chiudere la stagione estiva, assaporando i prodotti tipici del territorio, dai migliori vini alla gastronomia veneta e bibionese.
Ma il divertimento non è solo per i giovani e gli adulti! Infatti, ci saranno clown, giocolieri e mangiafuoco che coinvolgeranno anche i bambini con giochi e diverse attività.

Dalle ore 19.00 del 9 settembre, piazzale Zenith si riempirà di chioschi con la degustazione dei prodotti locali e il 10 settembre alle ore 23.00 ci sarà l’imperdibile spettacolo pirotecnico con i fuochi d’artificio musicali.

Il sito ufficiale dove è possibile trovare il programma completo dell’evento è: www.septemberfestbibione.com

 

Per l’occasione, ci sono diversi lastminute a Bibione in appartamenti con piscina ed in hotel da 3 stelle e da 4 stelle.
Scopri nel portale lastminutebibione.com le migliori offerte di settembre per i tuoi ultimi giorni di vacanza!

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
"broeto" di Caorle

“Broeto” di Caorle, medaglia di bronzo agli Internazionali d’Italia

"broeto" di Caorle

“broeto” di Caorle

Durante gli Internazionali d’Italia – Esposizione culinaria 2014, un concorso culinario italiano prestigioso, promosso dalla Federazione Italiana Cuochi, che si è svolta Marina di Carrara (MS) dal 23 al 27 febbraio 2014 a Marina di Carrara (MS), il “broeto” (zuppa di pesce), antica ricetta originaria delle zone di Caorle e Chioggia, ha ottenuto il 3° posto.

Questo piatto tradizionale, rivisto dallo chef caorlotto Andrea Giulio Nocentini del ristorante Tennis Club Porto Santa Margherita e presentato in un’elegante coppa Martini, conquistando la medaglia di bronzo, ha dato lustro, ancora una volta alla cucina Veneta e di Caorle in particolare.

Il brodetto o “broetto” in dialetto veneto, che veniva preparato in passato dalle famiglie dei pescatori, è un piatto unico a base di pesce e può essere mangiato da solo o servito insieme a della polenta bianca.

Secondo la tradizione per il brodetto i pescatori, usavano i pesci economici, poichè i piu’ costosi venivano venduti al mercato del pesce.

Pare che venisse preparato con una sola qualità di pesce (il “go” o ghiozzo) e cotto direttamente in barca, in un recipiente di coccio appoggiato sulle braci.

La ricetta del “broetto di Caorle”:
– 2 chele di Granchio Gransoporo (in alternativa 3/4 cicale di mare)
– 1 pesce San Pietro
– 1 Gallinella di mare
– 1 Coda di Rospo
– olio Extra vergine di oliva
– aceto bianco
– sale
– pepe
– 100 gr. di passata di pomodoro

In un tegame grande scaldare nell’olio extravergine di oliva le chele del granchio tagliate a pezzetti.
Aggiungere 2 bicchieri d’acqua e 1/2 chilo di seppie e portare il tutto ad ebollizione.
Infine versare il resto del pesce (1 pesce san pietro, 1 gallinella di mare e 1 coda di rospo) tagliato a tranci.
Quando il pesce è cotto, spegnere il fuoco, aspettare 10 minuti e versare nel tegame 1 bicchiere di aceto bianco, un pizzico di pepe, poco sale e 100 grammi di passata di pomodoro (oppure 1/3 di un tubetto di pomodoro concentrato).

Le varianti sono moltissime in quanto ognuno usa i pesce che preferisce o che trova al mercato.

2 ricette sono visibili in video alla pagina: http://www.video.mediaset.it/video/pianeta_mare/ricette_del_mare/360045/il-brodetto-di-caorle.html

Buon appettito !

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Asparago bianco di Bibione

Progetto turismo rurale per San Michele al Tagliamento e Bibione

Asparago bianco di Bibione

Asparago bianco di Bibione

E’ stato avviato un progetto di “turismo rurale” tramite il quale i 5 comuni capifila del progetto, San Michele al Tagliamento-Bibione (enogastronomia e l’asparago bianco di Bibione), Caorle (ambiente vallivo), Concordia Sagittaria (scavi archeologici), Jesolo (turismo fluviale) e Cavallino (cicloturismo), avranno a disposizione un contributo di 540.000 euro da destinare alla valorizzazione del territorio.

Faranno parte del progetto altri 11 comuni del Veneto Orientale, ognuno con le proprie peculiarità, fa cui Cinto Caomaggiore (via del pane), Pramaggiore e Annone Veneto (vini DOC), Gruaro (aree naturalistiche di Boldara), Fossalta di Portogruaro e Teglio Veneto (strade del Nievo), Portogruaro (centro storico e musei), Ceggia e San Stino di Livenza (archeologia).

Potrebbe essere anche un opportunità per rendere più interessanti ed attrattive per il turista tutte quelle feste e sagre paesane che generalmente coinvolgono solo gli abitanti del luogo e dei comuni limitrofi.

Ci siamo messi tutti in rete, – ha dichiarato Pasqualino Codognotto, Sindaco di San Michele al Tagliamento-Bibione e coordinatore del progetto – per dare un nuovo impulso all’offerta turistica che parte dalle spiagge ma che si sviluppa nel nostro entroterra ricco di ambiente storia cultura e tradizioni.
Vogliamo che il territorio si racconti in ogni periodo dell’anno, in cui la bassa sarà invece l’altra stagione grazie all’ospitalità degli agriturismi, all’ambiente naturale e ai siti ricchi di
antiche memorie storiche.
Insieme per la prima volta, 16 comuni che hanno investito risorse ed energie affinchè la “terra dei dogi” possa essere conosciuta in tutta la sua suggestiva bellezza“.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Tiramisù

Giornata Mondiale del Tiramisù

Tiramisù

Tiramisù

Oggi, 17 Gennaio 2013, si celebra la Giornata Mondiale del Tiramisù, che in meno di 50 anni, da Treviso si è diffuso in tutto il mondo, diventando uno dei dolci a cucchiaio piu’ famosi e amati tra i dolci della tradizione italiana.

A inventarlo fu Ada Campeol, proprietaria del ristorante “Alle Beccherie“, in centro a Treviso, coadiuvata dall’allora giovanissimo cuoco Roberto “Loli” Linguanotto.
La signora Ada creò quello che chiamò il “Tiramesu'”, poi italianizzato in tiramisu’, come “energetico”, nel periodo in cui allattava il figlio , unendo degli ingredienti sostanziosi che gia’ erano consumati e conosciuti per dare forza, come l’uovo sbattuto o “sbatudin”, i savoiardi con il caffè ed il mascarpone, “inventando” così, questo delizioso dolce, dalla preparazione semplice, diventato il piu’ conosciuto e ricercato del mondo nel suo genere, tanto da definirlo “paradisiaco”.

Secondo una ricerca di Assolatte, i cinesi sono tra i maggiori estimatori del Tiramisù, che viene citato nei siti internet in cinese oltre 14 milioni di volte.

Il Tiramisù è anche uno dei piatti più imitati della nostra cucina, tanto che si spinge per un suo riconoscimento come Specialità tradizionale garantita, così come è stato per la Pizza napoletana.

La giornata mondiale del Tiramisu’ e’ una occasione per riaffermare una verita’ storica – ha dichiarato Marino Finozzi, assessore al Turismo del Veneto, – e direi culturale, perche’ e’ grazie alle tante invenzioni piu’ sagge che segrete, dove il primo ingrediente è la passione e il secondo e’ il buon gusto, che l’enogastronomia veneta si è fatta strada tra le migliori dei cinque continenti e collabora al successo turistico del Veneto, con i suoi 63 milioni di pernottamenti, dei quali circa il 62 per cento generati da ospiti stranieri

Il GVCI (“Gruppo Virtuale Cuochi Italiani”) organizza, un po’ ovunque nel mondo, per il sesto anno consecutivo l’IDIC (“International Day of Italian Cuisines”), la giornata internazionale delle cucine italiane, il cui protagonista sarà proprio il Tiramisù (nelle precedenti edizioni erano stati la “Carbonara”, il “Risotto alla milanese”, le “Tagliatelle al ragù alla bolognese”, il “Pesto alla Genovese” e l”Ossobuco in gremolata alla milanese”).

I centinaia di cuochi, ristoratori e food lover che aderiscono alla Giornata prepareranno oggi, questo delizioso dolce secondo la ricetta autentica del Tiramisù.

La lista degli aderenti all’iniziativa è visibile al link: http://idic.itchefs-gvci.com/index.php?option=com_content&view=article&id=845&Itemid=1216

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Cortili di Maggio in Festa, Marinella

Cortili di Maggio in Festa 2012 a Marinella

Cortili di Maggio in Festa, Marinella

Cortili di Maggio in Festa, Marinella

Sabato 12 e Domenica 13 Maggio 2012, nella frazione Marinella di San Michele al Tagliamento, a pochi km. da Bibione, sarà organizzata la sagra paesana “Cortili di Maggio in Festa”.
Dall’alba fino alle ore 22.00 si apriranno i cortili delle case per accogliere i visitatori con musica, tradizioni popolari e pietanze tipiche condite con tanta fantasia e … allegria.

In ogni cortile sarà preparata una pietanza diversa preparata dalle famiglie del paese.

Il programma prevede inoltre tornei di calcio, tornei di rugby e giochi da tavolo e la mostra della civiltà contadina e rievocazione storica sulle opere di bonifica e sulla figura del cariolante.

Domenica 20 Maggio alle ore 12.00, antica specialità del “LENGAL“, che si mangiava alla festa di Pentecoste

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail