Category Archivevideo

pista ciclopedonale che porta al Faro di Bibione

Pista ciclo-pedonale che porta alla zona Faro a Bibione (video)

pista ciclopedonale che porta al Faro di Bibione

Pista ciclopedonale che porta al Faro di Bibione

A Bibione, il 05 Maggio 2016 è stata inaugurato il nuovo tratto della pista ciclabile e pedonale, che ora collega direttamente Via Procione con il Faro di Bibione, permettendo a residenti e turisti di raggiungere più facilmente ed in sicurezza, a piedi o in bicicletta, la spiaggia a est.
La nuova pista si congiunge alla pista ciclabile esistente del lungomare di Bibione e costeggia il muro di difesa idraulica costruito dopo l’alluvione del 1966, percorrendo la pineta dove ad un certo punto, per circa 70 metri è anche sospesa su un ponte di legno di castagno, per poi collegarsi circa un km prima di raggiungere il faro con la ciclabile realizzata in precedenza dal Consorzio di Bonifica, per una lunghezza complessiva di circa 2,7 km.
Nella zona di Lido dei Pini, in via Procione, la pista si collega con la viabilità ciclopedonale già esistente in modo da permettere ai ciclisti ed ai pedoni che vi passeggiano di percorrere tutto il lungomare Adriatico senza mai uscire dalla pista pedalando o passeggiando nella massima sicurezza su un percorso a loro dedicato.

I lavori non sono però finiti, infatti il Sindaco di San Michele al Tagliamento-Bibione ha recentemente dichiarato che il progetto prevede il completamento verso Pineda della pista ciclopedonale del lungomare i cui lavori, inizieranno a Settembre 2016 e l’estensione di quella di Bibione Pineda lungo Via Baseleghe, dal Lido del Sole fino a Corso del Sole.

Di seguito un bel video da Vimeo, effettuato con un drone che mostra la pista ciclopedonale ripresa dall’alto in tutta la sua lunghezza

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Bibione, il faro

Video “Bibione, mare in Italy”, non solo mare…

Bibione, il faro

Bibione, il faro

Oggi pubblichiamo un video da YouTube dal titolo “Bibione, mare in Italy” dove viene presentata, in Italiano, Bibione e la sua ampia spiaggia, le terme, gli sport,  i divertimenti, le strutture ricettive, i ristoranti, il porto turistico, il Faro, ecc… ma anche i suoi dintorni (Venezia, Treviso, Portogruaro, Sesto al Reghena, le Ville Venete… ma anche il Friuli Venezia Giulia con Aquileia, Cividale e Trieste).

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Gruppo Teatrale Sichar Bibione

Sichàr, spettacolo teatrale “Incredibilmente unico”

Gruppo Teatrale Sichar Bibione

Gruppo Teatrale Sichar Bibione

Sabato 05 Aprile 2014 alle ore 20.30 e Domenica 06 Aprile 2014 alle ore 15.30 presso la parrocchia Santa Maria Assunta a Bibione, spettacolo teatraleIncredibilmente unico” a cura del Gruppo Teatrale Sichàr di Bibione.

Per informazioni: Parrocchia di Bibione – tel. +39 0431 43178

Il Gruppo Teatrale Sichàr è nato a Bibione nel 2010 dalla proposta del parroco don Andrea Vena di avviare in parrocchia un laboratorio teatrale per coinvolgere bambini e ragazzi.
Due anni prima, in collaborazione con la compagnia Jobel Teatro e altri diocesani era stato messo in scena presso la parrocchia di Bibione, lo spettacolo “San Paolo” e l’anno successivo, la diocesi di Concordia-Pordenone scelse di avvalersi della stessa compagnia per un progetto sulla figura del beato don Luigi Monza fondatore de “La Nostra Famiglia”, da cui nacque lo spettacolo/teatrale  musicale “Scrivi: Amore…”, al quale parteciparono molti giovani e ragazzi.
Finito il progetto, sei ragazzi del gruppo di Bibione decisero di creare un Gruppo Teatrale stabile proprio a Bibione con dei laboratori invernali per costruire gli spettacoli da rappresentare ai turisti durante l’estate.
In accordo con don Andrea scelsero il nome Gruppo Teatrale Sichàr, che richiama l’episodio del Vangelo del pozzo di Sichàr (Vangelo di Giovanni capitolo 4,1-42).
Per il primo progetto del gruppo, ispirato alla storia di Pinocchio rivisitata dal cardinal Biffi nel libro Mastro Ciliegia, collaborarono con Arteam di Roma per la costruzione dello spettacolo e con la compagnia Controcorrente di Tamai di Brugnera.
L’anno successivo fu proposto il progetto “Vola solo chi osa farlo”, ispirato alla storia de “La Gabbianella e il Gatto” di Luis Sepùlveda.
Furono poi avviati 2 progetti sempre con la collaborazione di Arteam di Roma e White Horse: per il gruppo fino ai 10 anni il “Piccolo Principe” e per i più grandi fu riproposto “Scrivi: Amore…”.
La compagnia si ritrova a scadenza quindicinale il sabato pomeriggio e la domenica mattina.

Video dello spettacolo teatrale “Vola solo chi osa farlo”: http://vimeo.com/70253911

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
"broeto" di Caorle

“Broeto” di Caorle, medaglia di bronzo agli Internazionali d’Italia

"broeto" di Caorle

“broeto” di Caorle

Durante gli Internazionali d’Italia – Esposizione culinaria 2014, un concorso culinario italiano prestigioso, promosso dalla Federazione Italiana Cuochi, che si è svolta Marina di Carrara (MS) dal 23 al 27 febbraio 2014 a Marina di Carrara (MS), il “broeto” (zuppa di pesce), antica ricetta originaria delle zone di Caorle e Chioggia, ha ottenuto il 3° posto.

Questo piatto tradizionale, rivisto dallo chef caorlotto Andrea Giulio Nocentini del ristorante Tennis Club Porto Santa Margherita e presentato in un’elegante coppa Martini, conquistando la medaglia di bronzo, ha dato lustro, ancora una volta alla cucina Veneta e di Caorle in particolare.

Il brodetto o “broetto” in dialetto veneto, che veniva preparato in passato dalle famiglie dei pescatori, è un piatto unico a base di pesce e può essere mangiato da solo o servito insieme a della polenta bianca.

Secondo la tradizione per il brodetto i pescatori, usavano i pesci economici, poichè i piu’ costosi venivano venduti al mercato del pesce.

Pare che venisse preparato con una sola qualità di pesce (il “go” o ghiozzo) e cotto direttamente in barca, in un recipiente di coccio appoggiato sulle braci.

La ricetta del “broetto di Caorle”:
– 2 chele di Granchio Gransoporo (in alternativa 3/4 cicale di mare)
– 1 pesce San Pietro
– 1 Gallinella di mare
– 1 Coda di Rospo
– olio Extra vergine di oliva
– aceto bianco
– sale
– pepe
– 100 gr. di passata di pomodoro

In un tegame grande scaldare nell’olio extravergine di oliva le chele del granchio tagliate a pezzetti.
Aggiungere 2 bicchieri d’acqua e 1/2 chilo di seppie e portare il tutto ad ebollizione.
Infine versare il resto del pesce (1 pesce san pietro, 1 gallinella di mare e 1 coda di rospo) tagliato a tranci.
Quando il pesce è cotto, spegnere il fuoco, aspettare 10 minuti e versare nel tegame 1 bicchiere di aceto bianco, un pizzico di pepe, poco sale e 100 grammi di passata di pomodoro (oppure 1/3 di un tubetto di pomodoro concentrato).

Le varianti sono moltissime in quanto ognuno usa i pesce che preferisce o che trova al mercato.

2 ricette sono visibili in video alla pagina: http://www.video.mediaset.it/video/pianeta_mare/ricette_del_mare/360045/il-brodetto-di-caorle.html

Buon appettito !

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Mini Imu 2014

Mini Imu a San Michele al Tagliamento e Bibione

Mini Imu 2014

Mini Imu 2014

Fra pochi giorni, il 24 Gennaio 2014, scadono i termini per il pagamento della cosidetta “MINI-IMU“, ovvero l’imposta residuale che “solo” i proprietari delle prime case dovranno pagare se risiedono in uno dei comuni italiani che hanno previsto un’aliquota più alta del quattro per mille fissata dallo Stato. Ne saranno interessati oltre 2.000 comuni e circa 10 milioni di italiani.

Ecco la situazione a San Michele al Tagliamento e Bibione secondo l’aggiornamento caricato sul sito del Comune il alcuni giorni fa.

Quanto costerà la Mini Imu a San Michele al Tagliamento – Bibione  ?

Per il Comune di San Michele al Tagliamento – Bibione, come riportato dal sito del Comune sono coinvolte le seguenti tipologie di immobili:

1) Terreni agricoli, anche se non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola;

2) Alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o da altri Enti di edilizia residenziale pubblica.

Per i i quali si dovrà pagare entro il 24 gennaio 2014, una somma pari al 40% della differenza tra l’IMU calcolata con l’applicazione dell’aliquota deliberata dal Comune per il 2013 (0,98% come da delibera di Consiglio Comunale n. 23 del 30/04/2013) e l’IMU calcolata con l’applicazione dell’aliquota base statale (0,76%).

Quanto costerà la Mini Imu ai proprietari di abitazioni di residenza (prima casa) a San Michele al Tagliamento Bibione ?

Il Comune di San Michele al Tagliamento ha mantenuto l’aliquota del 4 per mille indicata dalla legge-base del 2011 (il “Salva Italia”) quindi in questa situazione NON è dovuto alcun conguaglio il 24 gennaio 2014.

Quanto costerà la Mini Imu ai proprietari di seconde case a San Michele al Tagliamento Bibione ?

Anche in questa situazione NON è dovuto alcun conguaglio il 24 gennaio 2014.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail