Stop ai viaggi presunti nel “Redditometro”

Agenzia delle Entrate
Agenzia delle Entrate

Il punto più contestato del “Redditometro“, il sistema ideato dall’Agenzia delle Entrate per misurare il reditto e trovare gli evasori fiscali, era che le spese complessive calcolate per valutare la congruità del reddito comprendevano anche delle voci di uscita calcolare sulle medie Istat.
In pratica, nel “Redditometro” c’erano delle spese annue “presunte” relative ad abbigliamento, alimentari, alberghi, ecc… basate solo su dati statistici.

Il Garante della privacy ha, recentemente, imposto un utilizzo più cauto dei dati prevedendo fra l’altro l’eliminazione delle spese presunte, fra cui i viaggi ed il nuovo calcolo basato solo sulle spese relative a transazioni certe.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *