Archivio mensileAprile 2013

Wi-fi

Nel 67% degli hotel in Europa il wi-fi è gratis

Wi-fi

Wi-fi

Secondo uno studio effettuato da HRS, portale leader in Europa per i viaggi d’affari, circa il 67% degli hotel in Europa offre il servizio wi-fi gratuito ai propri ospiti.
Al primo posto in Europa per il wi-fi libero senza pagare è la Turchia con quasi l’85% degli hotel, seguita da Svezia con l’82%.  Anche alcuni paesi dell’est come Polonia (80,5%) e Repubblica Ceca (73,9%) si trovano nelle prime posizioni.
Fra gli ultimi troviamo purtroppo Italia, Portogallo e molti paesi dell’Europa meridionale.

In Italia, solamente il 53% degli hotel fornisce gratuitamente il wi-fi ai propri ospiti e solamente di recente si è provveduto ad abbattere gli ultimi cavilli legali che impedivano lo sviluppo delle connessioni gratuite nei locali pubblici in Italia.

L’accesso libero ad Internet senza costi è un servizio sempre più richiesto da parte dei turisti ed ormai non esiste quasi cliente che si muova senza un tablet o uno smartphone e quindi la necessità di doversi collegare per lavoro o per diletto.

E Bibione ?

A Bibione esiste una rete wi-fi a pagamento che copre parte della spiaggia e del centro. Molte strutture lo offrono ancora come servizio a pagamento con supplemento, qualcuno (pochi) hanno  iniziato ad offrirlo gratuitamente ai propri clienti.

Il potersi connettere è ormai una necessità ed il poterlo fare gratuitamente è una bella carta da giocare in fase di promozione sia per le singole strutture che per l’intera località.

Pensiamo ad esempio all’impatto mediatico e pubblicitario che una Bibione wi-fi free potrebbe avere nei confronti dei concorrenti !

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Marco Michielli - Federalberghi

Federalberghi Veneto contro l’applicazione dell’imposta di soggiorno

Marco Michielli - Federalberghi

Marco Michielli – Federalberghi

L’ultima riunione degli albergatori della costa veneziana ha evidenziato per il 2013 una flessione del 15% rispetto al 2012, delle prenotazioni alberghiere complessive con un mercato italiano quasi fermo.

Davanti a questo dato, il presidente di Federalberghi regionale, Marco Michielli, ha lanciato un appello ai sindaci del territorio, affinché prendano in considerazione la non applicazione della tassa di soggiorno per il 2013.

“Un dato purtroppo ampiamente previsto, – afferma Marco Michielli – dove l’assenza degli italiani si fa sentire. Un plauso va ai colleghi delle spiagge che stanno lavorando sul fronte della promozione e della fidelizzazione dei propri clienti, ma i miracoli purtroppo non li fa nessuno”.

“Un altro dato preoccupante è che le strutture partiranno con almeno 2, 3 unità di lavoratori in meno, rimanendo in attesa di capire gli sviluppi della stagione. Quindi, – continua Michielli -, dati i circa 1000 alberghi della costa, si possono considerare fra le 2 e le 3mila le unità lavorative che non troveranno occupazione almeno a maggio e giugno”.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail