Archivio mensileNovembre 2012

Concessioni demaniali marittime

Tavolo di lavoro su Direttiva Bolkestein e concessioni demaniali

Concessioni demaniali marittime

Concessioni demaniali marittime

Domani 16 Novembre 2012, alle ore 16.00, presso la Sede Municipale del Comune di Jesolo, in via Sant’Antonio 11, si terrà un tavolo di lavoro fra i Sindaci della Costa Veneta, su “Direttiva Bolkestein e concessioni demaniali“.

Parteciperà anche il Sindaco di San Michele al Tagliamento-Bibione, Pasqualino Codognotto, che ha invitato ad essere presenti anche gli operatori locali.

Saranno presenti oltre ai Sindaci firmatari del Protocollo d’Intesa, la Regione Veneto, alcuni Parlamentari ed Euro-parlamentari ed il Presidente Nazionale delegato ANCI per il demanio marittimo.

Durante i lavori sarà presentato anche il dossier, che i Sindaci hanno predisposto, sui danni causati dalle mareggiate.

La Direttiva Bolkestein, entrata in vigore in Italia l’8 Maggio 2010 con il D.Lgs. n. 59/2010 avente per oggetto “Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno” ha lo scopo (così era l’intenzione) di creare benefici per le imprese e tutelare i diritti dei consumatori, riducendo e/o eliminando gli ostacoli burocratici, facilitando la concorrenza fra le imprese all’interno del mercato unico, aumentando così competitività ed equilibrio fra i vari paesi.

L’impatto di tale direttiva sulle concessione demaniali balneari in Italia è particolarmente importante.

Attualmente infatti la legge prevede che:
L’amministrazione marittima, compatibilmente con le esigenze del pubblico uso, può concedere l’occupazione e l’uso, anche esclusivo, di beni demaniali e di zone di mare territoriale per un determinato periodo di tempo.
Nel caso di più domande di concessione, è preferito il richiedente che offra maggiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione e si proponga di avvalersi di questa per un uso che, a giudizio dell’amministrazione, risponda ad un più rilevante interesse pubblico.
Al fine della tutela dell’ambiente costiero, per il rilascio di nuove concessioni demaniali marittime per attività turistico-ricreative è data preferenza alle richieste che importino attrezzature non fisse e completamente amovibili” ed è data “preferenza alle precedenti concessioni, già rilasciate, in sede di rinnovo rispetto alle nuove istanze. Qualora non ricorrano le ragioni di preferenza di cui ai precedenti commi, si procede a licitazione privata.”
La legge n.88/2001 ha poi introdotto il meccanismo del rinnovo automatico della durata delle concessioni demaniali marittime.

L’articolo 12 della Direttiva Comunitaria prevede invece che “qualora il numero di autorizzazioni disponibili per una determinata attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche utilizzabili, gli Stati membri applicano una procedura di selezione tra i candidati potenziali, che presenti garanzie di imparzialità e di trasparenza e preveda, in particolare, un’adeguata pubblicità dell’avvio della procedura e del suo svolgimento e completamento” e che “l’autorizzazione è rilasciata per una durata limitata adeguata e non può prevedere la procedura di rinnovo automatico né accordare altri vantaggi al prestatore uscente o a persone che con tale prestatore abbiano particolari legami“.

Ne deriva che le concessioni sul demanio marittimo non potranno più essere rinnovate automaticamente e dovranno essere concesse tramite un bando per un periodo definito, con relativa preoccupazione degli attuali concessionari di veder vanificati gli sforzi compiuti in anni di lavoro,  a causa delle nuove regole.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Limite uso contante

Limiti al contante, tracciabilità e multe

Limite uso contante

Limite uso contante

La legge che limita l’uso del contante e prevede pagamenti per cifre pari o superiori a 1.000 euro solo con mezzi tracciabili, entrata in vigore il 6 dicembre 2011, a distanza di un anno, è ora più chiara sia per quanto riguarda le varie casistiche che per quanto riguarda le sanzioni.

In un recente articolo de’ “Il Sole 24 Ore”, il principale quotidiano economico italiano, viene spiegato che le transazioni in contanti uguali o superiori ai mille euro vengono punite con una multe che vanno dall’1% al 40% per cento del valore del pagamento effettuato con un tetto minimo di 3 mila euro.

Se invece l’importo supera i 50.000 euro, la percentuale sarà tra il 5% ed il 40% per cento. Mentre per importi fino a 250.000 euro, c’è la possibilità di oblazione e si può ottenere uno sconto sulle sanzioni.

La sanzione inoltre colpisce sia chi riceve il pagamento (ad esempio, l’albergatore o l’agenzia che incassa un pagamento) che chi lo effettua e quindi il cliente.

Gli accertamenti, sempre secondo “Il Sole 24 Ore” spettano al Ministero dell’Economia e delle Finanze o alla Guardia di Finanza.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Tassa di soggiorno

Ricerca della JFC T. & M. sulla tassa di soggiorno

Tassa di soggiorno

Tassa di soggiorno

Secondo una recente ricerca effettuata dalla società JFC Tourism & Management che ha effettuato un’analisi su quanto ha prodotto la tanto discussa imposta di soggiorno per i comuni che l’hanno adottata ed i fini per cui sono stati investiti/spesi i proventi derivati è risultato che:

1) gran parte dei Comuni analizzati ha incassato, dalla tassa di soggiorno, una cifra inferiore a quanto era previsto;

2) pochissime amministrazioni comunali ad oggi, hanno investito nel turismo i ricavi dell’imposta di soggiorno e non sempre le scelte fatte erano condivise dagli operatori turistici della relativa località.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
I vincitori del mini contest

Mini contest fotografico su Facebook del portale ufficiale di Bibione

I vincitori del mini contest

I vincitori del mini contest

Si è concluso il mini contest dal titolo “Surprise Us 🙂“, organizzato dal portale bibione.com sulla sua pagina di Facebook.

Durante la stagione estiva 2012, gli ospiti di Bibione sono stati invitati a condividere le loro migliori foto delle vacanze per farsi votare dagli altri utenti di Facebook tramite i bottoni “Mi piace”/”Like” e “Condividi”.

Il premio per i vincitori sarà la pubblicazione della foto sul nuovo catalogo 2013.

Il vincitore è stato Matteo Guidolin con una foto che ritrae una bella veduta del Faro di Bibione all’alba.
Il secondo posto è andato a Kamila Majchrzak con una foto che mostra la spiaggia ed il mare di Bibione illuminati dalla luna piena.
Infine c’è Melanie Tiessen, con una foto che ritrae una ragazza che fa equilibrismo in riva al mare di Bibione.

Durante tutta l’estate sulla bacheca della pagina Facebook del portale sono state postate oltre 400 foto di vario genere ma tutte con avevano in comune la vacanza a Bibione.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Obbligo catene da neve

Obbligo pneumatici da neve o catene sulle autostrade di Autovie Venete

Obbligo catene da neve

Obbligo catene da neve

Da domani, giovedì 15 novembre 2012, scatta l’obbligo dei pneumatici da neve o delle catene da neve bordo per chi percorre la rete autostradale di Autovie Venete. Sono escluse le moto.
Si tratta di una misura precauzionale, adottata anche quest’anno, pensata per aumentare la sicurezza dei veicoli e ridurre le problematiche ed i disagi che inevitabilmente si creano in caso di importanti nevicate ed uniformarsi ad Austria e Slovenia, con cui confina l’Italia, dove l’obbligo è stabilito per legge.

L’ordinanza 67/12, emanata da Autovie Venete, prevede che per il periodo dal 15 novembre 2012 al 15 aprile 2013, tutti i veicoli in transito sull’autostrada debbano montare pneumatici invernali (da neve) su tutte le 4 ruote oppure avere le catene a bordo.

Ad ogni entrata in autostrada e lungo la rete autostradale, saranno presenti cartelloni per ricordare la durata di tale obbligo.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail