Archivio mensileMarzo 2012

VTC Bibione Mare

VTC Bibione mare vince in casa con Valsugana Volley

VTC Bibione Mare

VTC Bibione Mare

VTC BIBIONE MARE – VALSUGANA VOLLEY: 3-2

PARZIALI: 10-25 (20‘), 15-25 (23‘), 25-18 (25‘), 25-23 (30‘), 15-9 (16‘). Tot 1.54’

BIBIONE: Zaccariotto, Minetto (lib.), Brunelli, Dalla Tor, Berlendis, Manzano, Gasparini (lib.), Brun, Tonon, Anastasio, Boraso, Gobbo. All. De Pin.

PADOVA: Valerio, Formilan, Vianello, Nicoletto, Bortoletto, Martufi (lib.), Fusaro, De Marchi, Artuso, Baldin, De Nigris, Maniero, Rigon (lib.). All. Di Pietro.

ARBITRI: Brognara e Bastianin di Rovigo.

Il  VTC Bibione Mare continua l’incredibile striscia di vittorie nel 2012, suonando la “nona” al Valsugana Volley al termine però di un´incredibile partita dai due volti.

La gara inizia con i padroni di casa costretti a variare la formazione tipo per l’assenza dell´opposto Bettin, sostituito da Berlendis, ma inizia soprattutto con un Bibione Mare completamente fuori partita. I tifosi, sempre più numerosi al palasport di via Maja, sono rimasti increduli di fronte ad una squadra completamente spenta. Il set vola via in pochi minuti senza che nessuno riesca minimamente a fare qualcosa. Finisce con un eloquente 10-25 con solo cinque attacchi positivi per i veneziani e con un incredibile zero nel tabellino in attacco per Zaccariotto.

Coach De Pin cerca di scuotere i suoi giocatori nel cambio campo, ma l´inizio del secondo set sembra quasi la fotocopia del primo. Il gioco del Volley Team Club non decolla mai, il Valsugana allunga di nuovo con apparente facilità, pur commettendo molti errori in battuta, e con una serie di muri impressionante (addirittura otto in questo secondo set) ferma quasi tutti i tentativi di attacco dei Bibionesi, anche se qualche timido segnale di ripresa si comincia a intravvedere con capitan Tonon e Berlendis che riescono, pur fra molti errori, a mettere giù qualche pallone. Si chiude comunque 15-25 per il Valsugana e la partita sembra veramente ai titoli di coda.

Ma come spesso accade nella pallavolo basta una scintilla a cambiare il destino di una partita, ed il primo punto del Bibione  Mare nel terzo set lo mette a segno proprio Zaccariotto, che si risveglia dal torpore dei primi due set e suona la carica.

Il risveglio di Zaccariotto sembra dare coraggio anche agli altri suoi compagni che piano piano ricominciano a macinare punti, anche se non ancora con un gioco scintillante. Migliora la qualità del servizio, cresce il muro (Berlendis ne mette tre in questo set e cinque addirittura alla fine della partita) e il Volley Team Club allunga e chiude il set 25-18 con un ace di Boraso.

II veneziani adesso ci credono ed anche il pubblico ricomincia a farsi sentire. Zaccariotto e Berlendis, che nei primi due set erano praticamente inesistenti, ora invece trascinano i Bibionesi con attacchi sempre più pungenti, capitan Tonon, forse l´unico che anche nei primi due set aveva dato segni di vitalità, risponde sempre presente quando viene chiamato in causa e si arriva sul 24-19 per la squadra di casa.

Qui il Valsugana, che nel frattempo ha cambiato la diagonale palleggiatore opposto, proprio con il giovane palleggiatore De Marchi mette in seria difficoltà la ricezione dei padroni di casa e con l´opposto Vianello si riporta sotto fino al 24-23, ma Zaccariotto per fortuna chiude il set 25-23.

Si va al tie-break che i padroni di casa che, ormai scrollatisi di dosso la paura, giocano in maniera perfetta. Boraso adesso serve a turno tutti i suoi attaccanti compresi i centri e per i padovani è buio Pesto. Chiude capitan Tonon con un super attacco sul 15-9.

Una partita davvero incredibile, che dimostra però quanto ormai la squadra lagunare sia affiatata e come anche nei momenti più difficili non molli mai la presa.

Con il successo il Volley Team Club mantiene il terzo posto, raggiunto però dall’Agora, ma con due punti di vantaggio proprio sul Valsugana.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
campagna a Quarto Bacino

Incendio in via Litoranea

Ieri mattina, verso le 6.30, in via Litoranea, in zona Quarto Bacino a pochi km da Bibione, un incendio di sterpaglie si è propagato raggiungendo la strada e creando disagi lungo la viabilità principale.

L’incendio non ha, per fortuna, interessato le case vicine e nemmeno le auto nel parcheggio ma è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco, che hanno lavorato per oltre un’ora.

Le cause dell’incendio sono al momento sconosiute ma potrebbe essere stata un mozzicone di sigaretta oppure un rogo acceso per bruciare e smaltire delle ramaglie o dell’altro materiale, abitudine

campagna a Quarto Bacino

campagna a Quarto Bacino

comune nelle campagne di San Michele al Tagliamento, ma pericolosa e anche illegale in quanto anche i materiali di campagna vanno conferiti nelle apposite discariche.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Alzavola

Record di uccelli acquatici nelle lagune di Caorle, Bibione e Venezia

Alzavola

Alzavola

Sono in costante aumento gli uccelli acquatici svernanti nelle lagune di Venezia e CaorleBibione.

Durante il censimento svolto su scala europea, che ha impegnato per tre giorni un centinaio di persone fra esperti, volontari e guardie provinciali, sono stati contati 365.886 uccelli di diverse specie nella laguna di Venezia e 39.820 in quella di Caorle-Bibione, per un totale di 405.706 esemplari.

Il numero negli ultimi, è sempre aumentato, passando dai 70 mila del 1993, ai 270 mila del 2008, ai 313 mila (87 specie) del 2010, ai 330 mila del 2011.

In cima alla lista degli uccelli che svernano ci sono sempre le anatidi, in particolar modo le alzavole, il germano reale, ma anche uccelli come il fischione, il codone, la folaga, il piovanello pancianera, il gabbiano comune, la volpoca e l’airone bianco maggiore, il più numeroso tra i trampolieri.

Un dato straordinario secondo il vicepresidente della Provincia e assessore alla caccia della Provincia di Venezia, Mario Dalla Tor, dichiarando che  “siamo la prima zona umida d’Italia e una delle più grosse in Europa per quantità di uccelli“.
Ha poi aggiunto, spiegando i motivi di questo successo che “la gestione delle valli, il bacino d’acqua ha il livello giusto, la complessità e ricchezza degli ambienti naturali fanno si che ci siano le condizioni favorevoli e la giusta appetibilità. Basta pensare che nei giorni freddi di febbraio, i vallicoltori hanno provveduto a lasciare del cibo per gli uccelli, altrimenti avremmo avuto delle morie. La nostra insomma, è una grande piattaforma, una sorta di enorme parcheggio scambiatore per volatili di tutto l’Est Europa“.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
8 marzo 2012

8 marzo, ingresso gratis per le donne nei musei

8 marzo 2012

8 marzo 2012

In occasione dell’8 marzo, si ripete, anche quest’anno, la tradizionale promozione del ministero dei Beni culturali che offre l’ingresso gratuito per le donne, in tutti i musei e luoghi di cultura statali, oltre a iniziative speciali, eventi a tema e visite guidate.

L’elenco completo delle strutture aperte si può consultare su www.beniculturali.it e sull’applicazione per smartphone “iMiBAC’.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Eurobarometro

Eurobarometro, sondaggio sulle vacanze dei turisti europei

Eurobarometro

Eurobarometro

Secondo Eurobarometro, che ha recentemente eseguito un sondaggio sulle intenzioni relative ai viaggi e alle vacanze nel 2011 e per il 2012 di 30 mila cittadini UE, 3 europei su 4 non rinunceranno alle vacanze durante l’anno in corso.
Nonostante la crisi economica, il 73% degli europei “non rinuncerà alle vacanze” nel 2012, anche se il 33% di essi ha dovuto modificare il progetto iniziale.
Secondo il rapporto del sondaggio, il 41% degli intervistati che andranno in viaggio nel 2012, sta programmando vacanze più lunghe (dalle 4 alle 13 notti), invece che soggiorni brevi (27%).
La preferenza per la meta sarà data al proprio paese (52% degli intervistati) o ad un altro paese dell’Unione (37%)
Per quanto riguarda le mete che i turisti europei sceglieranno per le proprie vacanze nel 2012 degli europei, l’Italia (7%) si trova al secondo posto dopo la Spagna (10%), seguita da Francia (6%), Grecia (4%), Austria, Regno Unito e Germania (3%).
Nel 2011, l’Italia era al primo posto.
Il 51% degli italiani (contro il 48% degli europei) andrà in vacanza per riposarsi.
Il 30% degli italiani (contro il 28% degli europei) sceglierà la destinazione della vacanza per il sole e la spiaggia (vedi Bibione ;-))
Il 21% degli italiani (contro il 22% degli europei) sceglierà la vacanza per trascorrere del tempo con la famiglia o andare a trovare amici e parenti.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail