Violento frontale a San Michele al Tagliamento

frontale a San Mauro
frontale a San Mauro

La sera della vigilia di Natale due auto si sono scontrate violentemente in via Pordenone, in località San Mauro, a San Michele al Tagliamento.

Nell’incidente sono rimasti coinvolti due automobilisti, uno dei quali, Jari Colusso, 27 anni di San Michele al Tagliamento, è rimasto gravemente ferito ed è finito all’ospedale di Udine, dove è tuttora ricoverato in terapia intensiva con prognosi riservata.

Il conducente dell’altro mezzo, Matteo Orso, 23 anni di Cervignano del Friuli, ha invece riportato solo escoriazioni e contusioni guaribili in una ventina di giorni. Era stato soccorso e trasportato dall’ambulanza del 118 all’ospedale di Portogruaro dove è già stato dimesso.

Secondo la ricostruzione dei vigili urbani di San Michele al Tagliamento, che si sono occupati dei rilievi, l’impatto è avvenuto verso le ore  21.00 di sabato, tra una Fiat Punto e una Opel Opc che viaggiavano in direzione opposte: la Punto, guidata dal 27enne stava uscendo da via Guardia Vecchia mentre la Opel viaggiava su via Pordenone, dove è avvenuto lo scontro, in direzione Malafesta.

Nell’urto entrambe le auto sono state ridotte ad un ammasso di lamiere bloccando i due giovani all’interno dell’abitacolo ed il motore della Punto è sbalzato a terra per una decina di metri.

Sul posto sono accorse due ambulanze e poichè le condizioni di Colusso che aveva perso coscienza e riportata un profondo trauma cranico sono risultate subito gravi, i sanitari hanno disposto l’immediato trasporto all’ospedale di Udine.
Anche se il suo quadro clinico è rimasto stazionario per tutta la giornata di Natale e di Santo Stefano, i medici sono preoccupati per le gravi lesioni alle testa ed al torace e quindi la prognosi rimane riservata.

La sera dell’incidente, oltre alla polizia locale che è accorsa subito sul posto, è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri per la deviazione del traffico che paralizzato per circa un’ora.
I due mezzi sono stati sequestrati dall’autorità giudiziaria per le necessarie indagini.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *