Bibione si conferma prima spiaggia del Veneto

La spiaggia di Bibione
La spiaggia di Bibione

Una stagione turistica di discreto successo si è appena conclusa a Bibione, che resiste nella sua posizione di prima spiaggia della regione Veneto registrando un +2,48% di arrivi e +2,24% di presenze.

La località balneare, certificata EMAS, con le sue 18 Bandiere Blu, ha ottenuto alla fine una buona risposta nonostante le previsioni e l’inizio stagione poco rassicuranti, dovuti alla crisi economica generale.

In particolare, i turisti provenienti da Germania e Austria hanno registrato un aumento, come sono anche aumentati gli italiani. L’aumento maggiore è stato nei campeggi e villaggi turistici.

Risultati dovuti in parte alla necessità dei turisti di trascorrere delle vacanze più sicure ed economiche che hanno reso Bibione la meta ideale, ma anche all’impegno che la località dedica ogni anno nel rinnovare la propria offerta di eventi e occasioni di svago e relax per i suoi turisti.

Il grande impegno profuso in questi anni ci ha consentito di reagire in maniera pronta ed efficace alle recenti vicende legate alla crisi economica, offrendo delle soluzioni di vacanza in grado di accontentare le più diverse esigenze e necessità. – dichiara Adamo Zecchinel, Presidente del CPTVO Consorzio di Promozione Turistica del Veneto Orientale – Le strutture di Bibione hanno registrato il tutto esaurito a dimostrazione del successo della nostra strategia.

Bibione infatti, anche quest’estate ha cercato di accontentare tutti: gli sportivi con tornei ed iniziative legate al rugby, al beach volley, calcio, beach tennis e molti altre specialità; gli appassionati di musica e arte con il premio Mantegna, i concerti live di musica leggera quali quello degli Zero Assoluto, classica e rock, il tour di R101 e la comicità di Zelig; gli amanti della natura con i percorsi e le attività legate all’ambiente ed, infine, i piccoli ospiti con la Rassegna di Letteratura per l’infanzia, i miniclub, i tornei, gli eventi dedicati.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *